Feuduccio, la cantina abruzzese che investe sulla natura (e sul Pecorino)

Gestione della vigna il più naturale possibile e una grande passione per i vitigni autoctoni del territorio, dal Trebbiano al Cerasuolo, per l'azienda della famiglia Lamaletto
2 minuti di lettura

Tornare a Orsogna dentro al Parco dell’Annunziata è stato riposante, anche solo a guardare la Maiella, il Gran Sasso e sullo sfondo il Mare Adriatico. Qui le colline dove sono stati adagiati i vigneti sono dolci e l’ambiente favorisce escursioni termiche preziose per la maturazione dell’uva. Sono tornato dunque al Feuduccio di Santa Maria D’Orni, una cantina moderna ante litteram circondata da vigneti e uliveti, incastonata nella roccia e distribuita su cinque livelli, fino a raggiungere i 14 metri di profondità.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori