Non solo Langhe: anche in Molise la cerca dei tartufi "esiste" ed è una grande emozione

Fabrizio Sciullo nei boschi della Val di Sangro 
Il racconto di Fabrizio Sciullo, tartufaio della Val di Sangro: "C'era un tempo che da noi questi gioielli venivano chiamati patate puzzolenti...Trovarli è come scoprire un tesoro, si provano sensazioni indescrivibili". Una ricetta d'autore per i lettori de Il Gusto
3 minuti di lettura

"Se penso che anni fa qui da noi i tartufi venivano chiamati 'patate puzzolenti'..". Fabrizio Sciullo, tartufaio della Val di Sangro, è davvero emozionato mentre commenta la notizia del giorno, ovvero l'inserimento della cerca del prezioso fungo ipogeo nella lista del patrimonio mondiale dell'Unesco. L'emozione che traspare dal tono della sua voce sembrerebbe pari a quella che si prova trovando questo tesoro.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori