In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Con frutta e bacche la birra sa d’estate

I lamponi del birrificio californiano Firestone Walker
I lamponi del birrificio californiano Firestone Walker 
Lampone, mango, pesca, ma anche bucce in infusione e sciroppi. Belgio, Germania e Stati Uniti guidano la rivoluzione brassicola: boccali freschi e aromatizzati, perfetti per la tavola nella stagione calda
3 minuti di lettura

Lampone, mango, kiwi, pompelmo, albicocca, pesca, ciliegie, arance, uva passa, sambuco, mirto, fico d’india… Non è la ricetta per una macedonia multivitaminica, ma una breve lista della frutta che i mastri birrai usano per creare le fruit beer, le birre tipiche dell’estate.


La genesi di queste birre si perde nella storia. Non sappiamo di preciso in quale parte del Mediterraneo, del vicino Oriente o del Nord Europa, e in quale momento sia avvenuto per la prima volta il match tra malto, luppolo, lievito e frutta, ma possiamo di certo individuare quelle che storicamente sono state le culture che meglio l’hanno realizzato e perfezionato: dal Belgio con le sue fermentazioni spontanee, alla Germania con le birre “addizionate” di sciroppi e succhi, agli Usa con la corrente delle “wild beer” alla frutta, alle IPA aromatizzate per infusione.
Per fare chiarezza nel mondo delle fruit beer, con Lorenzo Bossi di Quality Beer Academy, abbiamo realizzato una triplice suddivisione delle generiche “fruit beer”, in base al metodo di utilizzo della frutta, ovvero: in sciroppo o succo gassato, in purea in fermentazione e in bacche o bucce in infusione.

Tè cinese in infusione del birrificio Ca’ del Brado 
Tè cinese in infusione del birrificio Ca’ del Brado  


Le Radler tedesche e l’invenzione della Fanta. Fu a Berlino nei primi anni Venti del ‘900 che in una taverna di Monaco di Baviera un oste miscelò per la prima volta la sua birra con della limonata, per dissetare una flotta di ciclisti. Radler vuol dire “ciclista”, e da allora è diventata la bevanda simbolo dell’estate in Germania, tanto da essere poi prodotta su larga scala in varie versioni, con gassosa e succo di limone, di arancia, di pompelmo. Poco più su, a Berlino, troviamo le Berlinerweisse, tipiche birre di frumento “tagliate” con sciroppi di ciliegia, asperula e lampone per attenuarne l’acidità e renderle più gentili. Fu proprio in Germania, negli anni 40, che, durante l’embargo della Coca-Cola voluto da Hitler, sulla scia della tradizione monegasca, nacque la Fanta nello stabilimento tedesco della multinazionale.

L’uva usata per la birra Italian Grape Ale di Ca’ del Brado 
L’uva usata per la birra Italian Grape Ale di Ca’ del Brado  


Le fermentazioni fiamminghe e le “selvagge” americane. La tradizione brassicola belga è patrimonio dell’Unesco, non stupisce quindi trovare tra le valli fiamminghe alcuni dei più riusciti esperimenti di birra alla frutta, le Kriek e le Framboise. Queste due Lambic acide a fermentazione spontanea vedono l’aggiunta di ciliegie (Kriek) e lamponi (Framboise) al naturale. Questo per far sviluppare le importantissime fermentazioni spontanee, grazie anche ai lieviti e ai batteri presenti nella frutta e per donare alle “difficili” birre acide, delle piacevoli note fruttate. In Belgio questa produzione è tutelata dalla denominazione STG “Specialità Tradizionale Garantita”. Dall’altra parte dell’Oceano, negli Stati Uniti, troviamo la patria delle Wild Ales, birre a fermentazione mista con aggiunta di frutta, spesso in purea, esplose agli inizi degli anni 2000, sulla scia della Craft Beer Revolution, quando i mastri birrai americani hanno iniziato a sperimentare a tutto tondo. Qui si utilizza davvero qualsiasi frutto: polpe di papaya, mango, kiwi, pesca, albicocca, fichi d’india vengono inserite in fase di fermentazione nella cosiddetta “birra verde”, e imprimono alla bevanda dei netti sentori fruttati. Uno stile tutto italiano, quelle delle IGA, le Italian Grape Ale, vede proprio l’utilizzo della frutta, in questo caso l’uva (in polpa o in mosto) per la creazione delle tipiche birre “avvinazzate” nazionali.

 Ciliegie di Vignola del birrificio Ca’ del Brado (Emilia Romagna)
 Ciliegie di Vignola del birrificio Ca’ del Brado 
(Emilia Romagna) 


Le IPA e la frutta infusa. Abbandoniamo le fermentazioni ed entriamo nel delicato mondo delle infusioni: qui troviamo le IPA, acronimo di Indian Pale Ale, tradizione brassicola di origine inglese, caratterizzata da un’importante presenza di luppolo nella ricetta, che spesso, per compensare o bilanciare, prevede l’inserimento di elementi fruttati nella fase finale della lavorazione, ovvero in infusione o dry hopping. Qui la polpa lascia spazio alla buccia, spesso di agrumi, fresca, ricca di oli essenziali, viene inserita libera o avvolta in panni/garza di lino o di cotone e lasciata infondere nella birra per tempi variabili. Il risultato sono delle birre estremamente fresche, luppolate, fruttate e armoniche, perfette per una bevuta dissetante nella calura estiva.

L'Italia: limoni di Sorrento e Zibibbo. L’Italia vanta una valida produzione di Fruit Beer di varie tipologie: si va dalla Syrentum infusa con bucce fresche di limoni di Sorrento dell’omonimo birrificio campano, alla Figu Morisca realizzata dal Birrificio di Cagliari con polpa di fico d’india. Ottimo il lavoro sulle fermentazioni realizzato da Ca del Brado con le sue Wild alle ciliegie di Vignola, pesche, albicocche e kiwi e le IGA al Grechetto Gentile e Centesimino di Faenza. Altro valido lavoro viene dalla Sicilia, dove il birrificio Irias realizza Al Zabir e Ambra, rispettivamente con uva Zibibbo e con scorze di arancia. Finiamo nel Lazio dove troviamo le fruit beer dal gusto pop del birrificio Rebel’s che ha unito la polpa di mango e pesca col lattosio in una Milkshake IPA da bere al tramonto sotto l’ombrellone.