In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Tra gioia e delusione, il pomeriggio delle stelle (e delle sorprese)

Il trionfo del neo tristellato Cannavacciuolo e del "collezionista di stelle" Bartolini. Ma anche l'amarezza di tanti chef che ci speravano
2 minuti di lettura

Ci sono i delusi e gli entusiasti, la disperazione (per qualcuno è così: lo giuriamo) e la gioia. Reazioni diverse e contrastanti, con 50 sfumature di grigio, pardon, di rosso-guida. Da chi sfogherà qualche risentimento sugli (anomimi) ispettori a chi, pure escluso dalla stella, si trasformerà in un'esopiana volpe alle prese con l'irraggiungibile uva. Non ancora matura, evidentemente. Poi c'è chi la stella la perde e la riconquista a tempo di record, come La Stua da Michil dopo un anno esatto.

 

In realtà a fare della Guida Michelin quel faro che ormai rappresenta da anni, contribuisce da sempre - e soprattutto - l'anelare dei cuochi stessi che eleggono la beneamata stella a loro consacrazione più ambita e coronamento (riconoscimento?) di un sogno costruito con talento e fatica. In Franciacorta, la caccia al neostellato si concentra nelle ultime 24 ore: c'è chi si è esercitato a mappare i profili social, alla ricerca degli chef taggati nei dintorni. Qualche cronista più anziano, vecchio lupo da giro cronaca, ha provato a fare il giro degli hotel.

 

Nulla fino alle 14.30, quando la voce della terza stella a Cannavacciuolo si fa sempre più insistente e Il Gusto la pubblica in anticipo. In realtà il gigante buono fa scorta e si porta a casa anche una stella in più: alle tre di Villa Crespi, a quelle confermate dei Bistrot di Torino e Novara e a quella dell'Aqua Countryside di Ticciano si aggiunge quella, calda di forno, dell'Aqua Vineyard di Casanova delle Spinette, tra Pisa e Volterra. Cannavacciuolo totalizza un totale di sette stelle, due in più rispetto allo scorso anno, quando già aveva aggiunto il locale di Ticciano al palmares della Guida Rossa.

 

L'altra notizia sono le dieci stelle complessive ad Enrico Bartolini. Anzi, no, perchè arriva anche l'undicesima (monostella ad Anima, Milano, mentre scatta la doppia per la Locanda del Sant'Uffizio). No, correggere: alla fine sono dodici, c'è anche Il Fuoco Sacro di San Pantaleo, dove l'Enrico nazionale fa consulenza.

Guida Michelin 2023, lo chef Enrico Bartolini: "Per la prima volta mi è venuto da piangere"

Poi c'è quella verde presa l'anno scorso. Forse, emozionatissimo, ha perso il conto anche lui. Sul palcoscenico di Corte Franca, anticipato dai calici di bollicine dell'aperitivo, lo spettacolo parte soft, con i videomessaggi di Gwendal Poullennec, già tradotti in voce flautata. Si parte con le “stelle verdi” sostenibili, 19 (tra cui quella di Crippa a Piazza Duomo) poi una pioggia che diventa grandine: 38 nuove stelle che si aggiungono ai 29 nuovi Bib gourmand annunciati qualche settimana fa. Intanto il lancio anzitempo del Gusto mette tutti in attesa, ma il nome di Cannavacciuolo e Villa Crespi non compare sul tabellone degli undici stellati ormai cristallizzati da anni. Si suda freddo, poi l'annuncio. E Cannavacciuolo si gioca tutto sul gran finale: piazzato all'ultimo posto, non riesce a trattenere l'emozione. Alla fine, il gigante buono del Lago d'Orta distribuisce pacche sulle spalle che risuonano come un temporale.

 

Le stelle finiscono di grandinare poco dopo le sei di sera. Ancora le foto, l'ultimo calice di Franciacorta, anzi un altro perchè non vuoi farlo un brindisi a Bartolini? Uno solo, perchè a ripeterne uno per stella ci si dovrebbe fermare qui per la notte. Senza nuvole, sul cielo bresciano di Corte Franca, ma altrove non è così: nessuno ha la guida cartacea ma, a stretto giro, si diffondono le prime notizie delle stelle non confermate. E riprende a piovere altrove.