In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Caro latte, l'allarme della Bufala Campana Dop: "Qualità a rischio, il governo intervenga subito"

Mozzarelle di Bufala Campana Dop
Mozzarelle di Bufala Campana Dop 
Il prezzo del latte di bufala per le stalle ha superato i due euro, quello vaccino al supermercato sfiora i tre euro. Il presidente del Consorzio di tutela, Domenico Raimondo: "Serve l'aiuto massiccio e rapido dell'esecutivo contro l'impennata dell'energia per andare incontro ad allevatori e produttori"
3 minuti di lettura

“Prezzi del latte alle stelle, consumi in calo: bisogna intervenire subito. Il governo deve andare incontro a produttori e allevatori per tamponare il caro-energia: è in ballo la qualità del prodotto, siamo preoccupati”. È l’allarme lanciato dal Consorzio di tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, regina delle eccellenze casearie italiane, in particolare dal presidente Domenico Raimondo. L’aumento del prezzo del latte, pari a oltre il 10%, sta infatti determinando, fra le conseguenze, una diminuzione del consumo dei formaggi - come già denunciato da Assolatte - a partire dalla Mozzarella di Bufala Campana Dop che registra un -5% nel bimestre settembre-ottobre rispetto al 2022.

La guerra in Ucraina e il caro materie prime fanno sentire la scure sui produttori caseari italiani, proprio alla vigilia del Natale, negli ultimi mesi dell’anno, dopo un 2022 che aveva fatto ben sperare, vista la ripresa post pandemia. Lo stesso Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana Dop sottolinea, in particolare, come i consumi del pregiato prodotto siano diminuiti, facendo registrare un calo del 4,54% a settembre e del 3,50% a ottobre. E il trend di novembre è in ulteriore diminuzione. A sottolineare l’emergenza, il presidente del Consorzio di Tutela, Raimondo: “È un campanello di allarme importante, la conferma di un anno difficilissimo. Dopo una prima parte di anno in crescita con una media del +5%, da settembre in poi le aziende sono in affanno e bisogna intervenire subito  Rischiamo di vedere azzerata la crescita che, nonostante le difficoltà, il comparto era riuscito a conquistare dall’inizio dell’anno. La resilienza post Covid che abbiamo dimostrato si è scontrata con le conseguenze economiche della guerra, con l’inflazione che galoppa, con un aumento dei costi impensabile, a cui stiamo cercando di fare fronte. Il risultato è un’incidenza significativa sulla redditività del comparto”.

Domenico Raimondo, presidente del Consorzio di Bufala Campana Dop
Domenico Raimondo, presidente del Consorzio di Bufala Campana Dop 

Latte di bufala alle stelle
Un litro di latte di bufala alla stalla di solito i media costa sui 1,80-85 euro, oggi arriva anche 2 euro e di più, con un aumento di 15/20 centesimi e ricadute rilevanti su produzione e consumi. “A pesare è soprattutto il caro energia, e di conseguenza aumenta tutto a catena – spiega Raimondo - L’intervento che auspichiamo da parte del governo è un aiuto sul caro bollette: non so che possibilità di manovra abbia l'esecutivo e non immagino fin dove si possa esporre rispetto alle casse nazionali per darci una mano. Ma quel che è certo è che noi siamo in una situazione di non ritorno, c’è stato un crollo in tutto il mondo economico a causa della guerra. Dopo due anni di pandemia durante i quali avevamo tenuto botta, l’unica cosa che non ci saremmo aspettati era un conflitto”. 

Le bufale da cui nascono le mozzarelle di Bufala Campana Dop
Le bufale da cui nascono le mozzarelle di Bufala Campana Dop 

Salto in alto di latte vaccino e formaggi
Gli sforzi del 2022 al momento sembrano vanificati da un finale di anno sempre più critico, che coinvolge anche il mondo del latte vaccino. “Facciamo nostro l’allarme già lanciato da Assolatte e dalle associazioni di categoria sull’eccessivo aumento del prezzo del latte vaccino", dice lo stesso Raimondo dando sostegno ai colleghi e ad Assolatte. Infatti, anche il costo del latte vaccino è cresciuto. Già a ottobre, l’Istat aveva previsto un balzo dei prezzi annui per formaggi e latticini del 14,8%. Unioncamere, poi, a metà novembre aveva confermato aumenti significativi per i formaggi freschi: +19,8% la mozzarella di latte vaccino, + 21,2% lo stracchino. Quanto ai formaggi molli, +16,3% il Gorgonzola, +17,4% il Provolone. E c’è il rischio che il costo del latte vaccino al supermercato arrivi a toccare i 3 euro a fine anno.  Già a ottobre, l’Istat aveva previsto un balzo dei prezzi annui per formaggi e latticini del 14,8%. E Unioncamere a metà novembre aveva confermato aumenti significativi per i formaggi freschi: +19,8% la mozzarella di latte vaccino, + 21,2% lo stracchino. Quanto ai formaggi molli, +16,3% il Gorgonzola, +17,4% il Provolone. E c’è il rischio che il costo del latte vaccino al supermercato arrivi a toccare i 3 euro a fine anno.

 

Qualità a rischio: "va tutelata"
La filiera bufalina – nota Raimondo – vive la stessa situazione, partendo già da un costo altissimo del latte alla stalla, che in questo momento di difficoltà il mercato non riesce ad assorbire”. E oggi la preoccupazione dei produttori e degli allevatori è sul prodotto stesso. “È a rischio la qualità e questo ci preoccupa molto – dice il presidente del Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana Dop - Gli allevatori iniziano a dare da mangiare agli animali cibi di qualità inferiore per cercare di risparmiare, è una condicio sine qua non di chi tiene gli animali ‘in casa’, se le cose non dovessero cambiare”.

 

"C'aunimm e magnamm": l'illusione delle feste 
E se il Natale che sta arrivando può far tirare un piccolo sospiro di sollievo, le prospettive di lungo periodo non sono certo rosee. “Ci auguriamo che le feste possano essere la manna dal cielo, ma il Natale può dare un aiuto che dura pochi giorni perché, come diceva Eduardo (De Filippo, in "Natale in casa Cupiello", ndr) C'aunimm e magnamm, le tavole sono più grandi e si degusta qualche mozzarella in più. Ma è un palliativo che dura solo 4-5 giorni, Natale ahinoi non è la salvezza. Le bufale fanno il latte tutti i giorni”.

Le bufale campane al pascolo
Le bufale campane al pascolo 

Previsioni 2023 grigie
Che previsioni dunque per il 2023? “Per l’anno nuovo la situazione è critica e grigia, speriamo che qualcosa cambi nel bene di tutti, ma credo che i primi 2-3 mesi non saranno facili – risponde Raimondo -Il grande punto interrogativo è su quando finirà questa guerra, nessuno riesce a programmare nulla, e la paura è che aumentino ulteriormente i prezzi del gas e dell’energia. L’unica nostra sicurezza è che ogni giorno le bufale fanno latte e vanno munte, e noi le mozzarelle dobbiamo farle quotidianamente. La speranza è che il governo si muova velocemente per contrastare il caro energia in maniera massiccia”.