In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Luca D'Attoma e la sua Duemani ceduta al Leone Alato: "È come un figlio che, cresciuto, deve lasciare casa"

Le vigne di Duemani a Riparbela
Le vigne di Duemani a Riparbela 
L'azienda, sulle colline di Riparbella, è stato il sogno del grande enologo di Elena Celli. Oggi ha una nuova vita, ma resta la qualità assluta dei vini. Da provare il Costa Toscana Syrah Rosè “Sì”
3 minuti di lettura

Duemani nasce da un sogno vero, quello di Elena Celli, lucchese doc, studi di Marketing al Polimoda di Firenze, e di suo marito, l’enologo di fama internazionale Luca D’Attoma, fiorentino di Borgo San Lorenzo, desiderosi di trovare un luogo ideale dove creare vini dai loro vitigni preferiti: cabernet franc, syrah e merlot. E, dopo una ricerca attenta delle migliori condizioni climatiche e di terroir, nel 2000, la scelta è ricaduta su un tratto di costa toscana, tra Riparbella e Castellina Marittima, all’interno di un anfiteatro naturale: un luogo impervio, con predominanza di argilla e una forte presenza di sassi, incolto da anni e circondato dalla tipica macchia mediterranea. 

Elena Celli e Luca D'Attoma
Elena Celli e Luca D'Attoma 

Da qui, la messa a dimora delle vigne e la coltivazione con i rigidi principi della biodinamica, anche in tempi non sospetti, quando tutto questo non era una moda (se moda la si può considerare), ma un principio di ricerca scientifica per tutelare e arricchire l’ecosistema originale. Quattro anni dopo, i frutti del loro lavoro si rivelano subito in sei vini superbi.

La cantina di Duemani
La cantina di Duemani 

In questi settimane è giunta la notizia del passaggio di proprietà – 13 ettari vitati per 42 mila bottiglie – al gruppo Tenute del Leone Alato, che, secondo  l’ingegner Igor Boccardo, ad del gruppo, “Aggiunge all’attuale portfolio (780 ettari tra Piemonte, Veneto, e Friuli) un’azienda agricola di elevato valore reputazionale, tanto a livello nazionale quanto internazionale”. Una strategia pienamente condivisa con Elena Celli e Luca d’Attoma, quindi nel solco della continuità. Luca D’Attoma, infatti, resterà in azienda in veste di enologo consulente. (E il resto si vedrà... viene da aggiungere).

È lo stesso enologo a confermarcelo, parlando della vendita come di un atto naturale per poter continuare a vedere la sua creatura crescere ancora nel segno di nuovi investimenti. “È come un figlio che a una certa età deve per forza andare via di casa per poter crescere e non rimanere per sempre con una sola visione del mondo”.

Il Costa Toscana Syrah Rosè “Sì” è un vino che si presenta di colore buccia di cipolla carica che tende all’arancio. Al naso ha persino note di arancio e cedro candito, erbe aromatiche (timo, rosmarino, salvia). In bocca è equilibrato, setoso, elegante, sapido sul finale con trama molto fine.

Toscana Syrah Rose
Toscana Syrah Rose 

Il Costa Toscana Rosso G.Punto 2020, che è stato fra i nostri Top Hundred dello scorso anno, a riassaggiarlo dopo quasi un anno ci fa dire che è pure cresciuto. È un grenache in purezza e si riconferma al vertice più alto. Ha colore rubino trasparente, al naso senti note di gomma, idrocarburi, e poi una profondità, con descrittori speziati fino all'incenso. È potente in bocca, con quelle note ematiche che si evidenziano dentro a un equilibrio fresco, rotondo. È un vino pazzesco, che fa salivare. Spettacolo. Vinifica per 6/7 mesi in orci di terracotta, per poi essere messo solo a decantare (no ad affinare) in barrique molto vecchie.

 Rosso G.Punto 
 Rosso G.Punto  

Il Costa Toscana Rosso Syrah “Suisassi” 2019 ha colore rubino impenetrabile e violaceo. Quindi confettura accompagnata da elegante freschezza. Il finale offre un’acidità pregnante. Fa fermentazione spontanea in barrique e tini troncoconici in rovere da 1.000 litri con follature manuali e attenzione al controllo della temperatura. Circa il 30% delle uve fermenta con i raspi. Resta in macerazione per 30 giorni, poi viene svinato e travasato. L’affinamento più di 22 mesi in barrique di rovere francese e tonneaux da 300 litri, 80% di legno nuovo e 20% di primo passaggio.

Il Costa Toscana “Altrovino” 2020 è ottenuto da egual parti di merlot e cabernet franc che fermentano spontaneamente e separatamente in tini di cemento a temperatura controllata e con rimontaggi, seguiti da 20 giorni di macerazione. Una parte del Cabernet Franc fermenta in anfore di terracotta da 500 e 600 litri, utili per amplificare i profumi floreali e fruttati delle uve. Quando il vino è assemblato, viene travasato in tini troncoconici di rovere francese per seguire un affinamento di 8 mesi. Questo è un rosso immediato: senti la frutta del merlot accanto a note balsamiche di eucalipto. Finale amarognolo, equilibrato. Molto lineare e serbevole.

 Costa Toscana Altrovino
 Costa Toscana Altrovino 

Infine, una piccola verticale di tre annate del Costa Toscana Rosso “CiFra”, cabernet in purezza fermentato spontaneamente in tini di cemento a temperatura controllata con breve macerazione sulle bucce per 15 giorni. Dopo la svinatura, il vino ha continuato la sua maturazione nei tini di cemento. La vendemmia 2021 ha colore rubino molto denso; al naso note ematiche e verdi, in bocca è molto equilibrato, vellutato, setoso. Davvero grande questo millesimo! Il 2020 sembra avere una spinta fruttata maggiore al naso: è più caldo ma meno equilibrato, mentre il 2019 ha un corpo pieno e un tannino molto espressivo, ma la presenza di una eccessiva riduzione (forse era un problema di bottiglia) ci lascia sospendere il giudizio, che tuttavia è stato ad altissimi livelli su tutti i vini.

Costa Toscana Rosso CiFra
Costa Toscana Rosso CiFra 

E con questo viatico, inizia a volare il leone dell’enologo Luca D’Attoma, sulle piste ambiziose del Leone Alato, che sta posizionando i propri vini (da non dimenticare l’Albarossa prodotta in Monferrato da Bricco dei Guazzi e l’Amarone in Valpantena da Costa Arente) tutti al top di gamma.

 

Duemani

loc. Ortacavoli, Riparbella (Pi)

tel. 0583.975048

Una bottiglia di Costa Toscana Rosso G.Punto 2020: 120 euro