In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

"La sostenibilità passa anche attraverso una comunicazione corretta e trasparente"

(Foto Firriato)
(Foto Firriato) 
Federico Lombardo di Monte Iato dell'azienda Firriato racconta una realtà che viaggia lungo la difficoltà di scelte etiche ed ecologiche in un regime di viticoltura eroica
3 minuti di lettura

"Il rapporto fondamentale se si vuole realmente parlare di sostenibilità ed etica nel vino è quello tra politica e consumatore. Che passa attraverso il produttore, come anello di mezzo della catena. La politica deve mettere in condizioni il produttore - vinicolo o meno che sia - di mettere in atto determinate politiche, e il consumatore di capirle e fruirne". A parlare è Federico Lombardo di Monte Iato, rappresentante della proprietà e responsabile comunicazione delle Cantine Firriato. Ovvero rappresentante vivo e passionale di quella viticoltura eroica che sulla Montagna siciliana combatte ogni giorno con l'ignoto, con le difficoltà ambientali di un vulcano, con quelle sociali di un sud ancora in difficoltà, con quelle burocratiche di una politica che non sempre aiuta. E che da questo pulpito naturale ha deciso di farsi testimone, più ancora che portavoce, di un modo diverso di approcciare al vino e alla sostenibilità. 


Perché sostenibilità è una parola di gran moda, ma anche un concetto spinoso da approcciare. "L'etica del vino è scindere quello che racconta il produttore al consumatore dalla verità. E far capire che quest'ultima esiste solo se c'è un ente terzo che garantisce rispetto a ciò che viene dichiarato. In mancanza di questo", sottolinea con estrema chiarezza Lombardo di Monte Iato, "non si può parlare di etica, ma di mero claim di marketing. Con Firriato nel 2019 abbiamo raggiunto la Carbon Neutrality, ovvero abbiamo abbassato a zero il bilancio delle emissioni, ma quando abbiamo preso questa decisione non ci siamo limitati a farci fare un calcoletto delle emissioni prodotte dell'azienda e a piantare l'equivalente in alberi in qualche parte del mondo. Ho chiamato il DNV, il più importante ente certificatore di settore al mondo, per valutare quanto carbonio effettivamente immettevamo nell'atmosfera utilizzando la ISO14064, la CarboFootPrint di organizzazion". Una scelta che ha permesso all'azienda di rimanere "agnostica rispetto al prodotto. Anche questa è etica" sostiene colui che rappresenta la nuova generazione dell'azienda fondata da Salvatore Di Gaetano, in quanto "quando si richiede la certificazione per un prodotto si è naturalmente portati a presentare il prodotto con le performance migliori. Al contrario, presentando l'azienda non si cade in tentazione, e si abbraccia una filosofia produttiva. Tutto questo succedeva nel 2014, da allora abbiamo impostato delle azioni per ridurre l'impronta del 40% entro il 2017, dopodiché abbiamo deciso di andare in Carbon Neutrality. A questo punto sempre con l'ente certificatore side by side, abbiamo portato il bilancio a zero piantando alberi nella foresta pluviale e portando le energie rinnovabili nel terzo mondo. Tutto provato e provabile, progetti certificati dalla VCS". Questa è sostenibilità ambientale, ma diventa etica ed economica "nel momento in cui si riesce a comunicarlo al consumatore e creare un circolo virtuoso". 

Perché è la coscienza di sistema che manca. "Si parla molto di sostenibilità ambientale e di etica, ma manca di fatto la volontà di mettere in atto le belle parole, di fare il salto manageriale che permetterebbe di calare questo concetto apparentemente astratto sulla realtà produttiva". Firriato da anni quando progetta un nuovo vigneto o una nuova cantina, si muove in modo che "la sostenibilità sia già un prerequisito del progetto", senza il quale quest'ultimo non può andare avanti. Non un bollino che si aggiunge sull'etichetta a posteriori, ma qualcosa che appartenga già al dna del prodotto. Il passo fondamentale per far sì' che tutto questo lavoro non vada perso e che sempre più aziende abbraccino questo punto di vista è che "tutto il mondo vino, dal produttore al comunicatore, riesca a trasmettere" la profonda importanza di queste azioni al consumatore finale. "In modo che certificazioni, leggi, conformità, filiere agricole e processi di tracciabilità affidabili possano effettivamente avere un peso, un ruolo". Fare la differenza.   

Fare la differenza per trasmettere quale realmente sia il peso lavorativo di alcune aziende e come le difficoltà debbano, per una società equa, trovare un corrispettivo economico. E non c'è migliore esempio in questo caso di Firriato, per disegnare i confini di questa problematica. "Noi sull'Etna ci sentiamo ospiti. Basti pensare che l'eruzione del 2012 è arrivata a 300 metri dal mio vigneto e in un altro appezzamento territoriale aziendale, di fatto le vigne crescono su un cratere del paleolitico. Tutto questo può cambiare all'improvviso, ne siamo perfettamente consapevoli. E nonostante questo, è solo una parte di ciò che aiuta a definire il nostro lavoro "viticoltura eroica", definizione giuridica che esprime il suo massimo nel lavoro di Firriato in quanto viticoltura montana e su terrazzamenti" che esistono da sempre, bonificati di generazione in generazione, con tempi di attesa lunghissimi, di decenni magari, prima di poter piantare anche una sola vigna su un appezzamento di terreno. Poesia, realtà umane, ma soprattutto impatto economico, "perché sui terrazzamenti il lavoro meccanico è ridotto al minimo. Questo sicuramente conserva le competenze sul territorio, ma rende anche ancor più difficile" trovare la giusta collocazione sul mercato. Nonostante "l'Etna vinicolo oramai si stia facendo un nome", sottolinea Montalto di Monte Iato "siamo ancora molto al di sotto di quello che sarebbe un prezzo equo per il lavoro che facciamo su questa montagna dal microclima quasi unico nel suo genere". 

Il passaggio finale? Andare a toccare anche l'altro aspetto della sostenibilità, quello sociale: "Fare cioè in modo che la politica renda possibile per le aziende la comunicazione delle attività che fa perché il proprio prodotto sia socialmente etico. L'unica via è una totale trasparenza comunicativa".