In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Vinitaly 2023. L'uomo, il vino e il paesaggio che evolve

La bellezza del paesaggio di San Quirico d'Orcia (@GettyImages)
La bellezza del paesaggio di San Quirico d'Orcia (@GettyImages) 
Emanuele Fontana riflette sull'interazione fra il viticoltore e la terra: "Il vigneto è un esempio concreto dell’azione umana in un territorio. Sistemi e localizzazioni generano adattamenti conseguenti del terreno che sono la piattaforma del nostro abitare"
2 minuti di lettura

Ogni territorio rurale deve essere governato con principi efficaci ai fini della tutela delle risorse naturali e del capitale sociale che vi incide. A maggior ragione nel nostro tempo, dove l’evidente cambiamento climatico in atto implica atti e scelte a favore della sostenibilità della nostra presenza. Tutti sanno che è in gioco la presenza dell’uomo sul pianeta: non possiamo vivere in un ambiente ostile, quindi sta a noi tutti operare in modo per cui questa ostilità venga perlomeno mitigata. 
Dal lato dell’innovazione e quindi della gestione dell’ambiente l’agricoltura ha da sempre giocato un ruolo scatenante e di successivo sostegno di pratiche, prodotti, modi di operare evoluti in altri contesti. In ambito biologico le innovazioni genetiche hanno anticipato temi di sostenibilità. In ambito tecnologico hanno permesso il progresso ingegneristico già prima della industrializzazione.
La combinazione delle azioni di attori protagonisti della produzione, qualsiasi tipo di produzione, converge nella trasformazione della realtà non solo del prodotto o servizio ma dell’ambiente circostante.
Voglio pertanto proporre una lettura complessiva, organica circa i lavoratori della terra. Applicando il concetto di universalità dei comportamenti collettivi si determina facilmente un contesto di pratiche, individuali e locali, a fronte delle quali si generano risultati comuni. Ogni input nel terreno, ogni lavorazione, ogni prelevamento di acqua, riorganizzazione dello spazio vicinale, tutto è svolto al livello individuale, a fronte di competenze e capacità generate da istruzione, tradizione e riproduzione del lavoro specifico. Il paesaggio conseguentemente è modellato dalla somma di questi comportamenti. Non esiste un paesaggio naturale, laddove l’uomo ha messo piede. Ogni volta che si attiva un comportamento individuale, si attiva un complesso sistema di autoregolazione che evolve in un risultato complessivo, non più somma delle parti ma significativo in sé. 

Emanuele Fontana
Emanuele Fontana 

Il vigneto è notoriamente un esempio concreto rispetto alla trasformazione del paesaggio. Sottende ad un processo di autoregolazione impostato in funzione dell’andamento climatologico, nel nostro tempo più che mai. Con dati agronomici rispetto agli ultimi 150 anni, presenti nell’archivio di Fattoria dei Barbi a Montalcino (Si), si può constatare come le vigne di Sangiovese atte a produrre il vino DOCG Brunello di Montalcino, siano state impiantate in differenti periodi storici in posizione diversa rispetto alla altitudine delle colline ospitanti ed alla tecnica di impianto (rettochino o giropoggio). 
Sistemi diversi e localizzazioni alternative hanno generato un adattamento del paesaggio conseguente. Il sistema si è quindi autoregolato rispetto a quanto proposto con le lavorazioni e gli impianti.
L’autoorganizzazione nei contesti sociali ed economico è parallela a quella del contesto paesaggistico. Nella lavorazione vitivinicole sono determinanti sia le pratiche di conduzione del terreno, comprese le scelte sulla migliore mitigazione del surriscaldamento globale, sia i saperi e le conoscenze relative ai alla storia dei luoghi, alla funzione del prodotto nel tempo e infine alla sua narrazione. 
Il paesaggio a sua volta è preordinato nella sua realizzazione da comportamenti collettivi perché concentrato su lavorazioni del terreno, adattabili a contesti diversi, con una metrica di azione fondata su lavorazioni individuali, localizzate e quindi riproducenti un più ampio ambiente.


Ci sono temi di complessità rispetto agli ambiti appena richiamati. Animali, uomini, macchinari e utensili interagiscono con livelli crescenti di complessità, vale tuttavia una universalità che astrae dal piccolo il grande risultato. Formando, nel caso del paesaggio, un ambiente consolidato con un significato non più solo estetico.
A conferma della valenza interpretativa deve essere rilevato che non esiste per questa universalità dei comportamenti alcun coordinamento centralizzato. 
La politica di territorio pone scelte e configurazioni pur non alimentando direttamente il divenire del paesaggio. Funge da giacimento di spunti, di inneschi eventuali ma è lontana dall’incidere sull’autoregolazione del sistema. Che viceversa acquisisce forma in modo autonomo.
Si tratta appunto di lavorazioni, di comportamenti individuali, localizzati, scelte colturali e tecniche, attuabili con opportune tecnologie, che determinano l’evoluzione del sistema. Ripetono in piccolo quello che poi in grande viene a dimostrarsi nell’osservazione. 


Il richiamo alla complessità e irriducibilità dell’universalità dei comportamenti collettivi non interessa qui in fase analitica ma in fase costruttiva dell’ambiente. Non è necessario andare ad indagare il modello e rendere comprensibile la sua evoluzione. È essenziale invece procedere con la consapevolezza che tutto quello che viene fatto sul terreno, con mezzi e tecnologie dedicate, diventa la piattaforma produttiva del nostro abitare il mondo, godendo di un bicchiere di vino prodotto dalla sapiente evoluzione dei contesti locali dove trovano senso storia, paesaggio, ambiente, cultura.