In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

I giovani giapponesi consumano poco alcol, al via la campagna per far bere un bicchierino in più

E’ l’agenzia delle Entrate nipponica a lanciare un concorso chiamato «Sakè Viva!» per stimolare la domanda: dal 1995 al 2020 si è passati da una media annuale pro-capite di 100 litri a 75 e le entrate fiscali si sono ridotte di conseguenza

Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Creato da

Un bicchierino in più dopo gli anni bui della pandemia per riscoprire quel senso di convivialità andato perduto e rimpinguare le casse dello stato. È il messaggio che traspare dalla campagna della Agenzia delle Entrate giapponese (Nta), pensata per arrestare il drastico calo dei consumi di alcol, accentuato dalle restrizioni alle attività sociali durante l'emergenza sanitaria, che ha ridotto a livelli allarmanti le entrate fiscali. Una dinamica resa ancora più critica dalla trasformazione demografica in atto ormai da decenni nel Paese del Sol Levante, che impone un ripensamento a livello sociale.

L'operazione 'Sake Viva!' durerà fino a inizio settembre, riferisce la Nta, e si rivolge ai giovani tra i 20 e i 39 anni per trovare modi "congrui" per rivitalizzare un'industria che già risentiva del cambio di abitudini dei consumatori, e che la pandemia ha contribuito a logorare. Le statistiche della Nta d'altronde parlano chiaro: le entrate fiscali che il governo derivava dai produttori di alcool si aggiravano intorno al 5% del totale nel 1980, al 3% nel 2011, mentre nel 2020 si sono assestate appena all'1,7%. Un campanello d'allarme per il governo di Tokyo, che ha un deficit di bilancio cronico e un debito pubblico equivalente a più del doppio del prodotto interno lordo, al 266%.

Il calo delle vendite di bevande alcoliche è da considerarsi fisiologico, avvertono gli studiosi, dal momento che quasi il 30% della popolazione ha più di 65 anni di età, le nascite sono in costante declino e il consumo pro capite di alcolici si è andato riducendo dai 100 litri del 1985 ai 75 del 2020. Indagini più recenti formulate dalla campagna di marketing governativa hanno invece rivelato una sorta di trasformazione del concetto di socialità tra i più giovani durante le limitazioni agli assembramenti - nonostante il Giappone non abbia mai imposto un lockdown sul modello di quello sperimentato in Occidente o addirittura in Cina. «Con l'estensione del lavoro da remoto durante la pandemia, la gente si chiede se ha veramente senso andare a bere per rinsaldare i rapporti all'interno del gruppo dei colleghi d'ufficio», ha spiegato un analista al quotidiano Japan Times.

La flessione del fatturato riguarda tutte le bevande alcoliche: dal sake al vino, agli alcolici tradizionali come il shochu, l'acquavite giapponese, ma si evidenzia maggiormente nella birra. Volumi di vendita che hanno visto un meno 20% nel 2020, con la principale azienda produttrice, la Kirin, che ha registrato una contrazione del 9,1% sull'anno precedente. Pur non schierandosi apertamente contro la campagna, il ministero della Salute nipponico ha espresso la speranza che la gente continui a fare solo «un uso appropriato di alcolici», ricordando i rischi annessi, mentre tra i temi più dibattuti sui social media si è ironizzato sull'opportunità da parte del governo di incoraggiare abitudini considerate non proprio benefiche per lo stato di salute dei cittadini, in un contesto sanitario globale già critico.

I commenti dei lettori