Coronavirus in Italia, il bollettino del 15 ottobre: record di tamponi col Green Pass obbligatorio, ma i contagi non aumentano

Sono 2.732 contro i 2.668 di ieri. Il tasso di positività scende allo 0,5%, si contano però altri 42 morti

Il giorno dell’esordio del Green Pass obbligatorio è record di tamponi: 506 mila in un giorno e il dato rileva quelli eseguiti ieri, che oggi potrebbero superare anche il muro dei 600mila visto l’andamento segnalato in diverse regioni. Nonostante il boom dei test i contagi non salgono, se non leggermente, passando da 2.668 a 2.732, con il tasso di positività che dallo 0,8 scende infatti allo 0,5%. Si contano però altri 42 morti mentre sono 2 in meno i ricoverati nelle terapie intensive e 34 quelli nei reparti di medicina.

***Iscriviti alla Newsletter Speciale coronavirus

Sono 203 i contagi in Piemonte, 5 più di ieri mentre il tasso di positività guadagna due decimali e sale al 4%. In Lombardia i nuovi positivi passano invece da 273 a 288 mentre i decessi sono 4 contro i 10 di ieri.

È un trend stabile da giorni quello dei casi Covid in Veneto. Nelle ultime 24 ore si contano 342 nuovi contagi (ieri erano 334), mentre non si registra alcuna vittima. Gli infetti da inizio dell'epidemia salgono a 474.038, quello dei decessi resta fermo a 11.800. Lo riferisce il bollettino della Regione. Le persone attualmente positive e in isolamento sono 9.068 (+60). Continua a scendere la pressione sugli ospedali: sono 182 i posti occupati in area non critica (-8), e 33 quelli in terapia intensiva (-4).

Sono 198, appena due più di ieri i contagi in Emilia Romagna dove il tasso di positività sale dall1,4 all’1,8%.
Ancora morti per Covid in Toscana: sono stati altri tre nelle ultime 24 ore secondo il consueto report della Regione che, inoltre, rileva 230 nuovi casi (età media 42 anni), uno solo più di ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 5.478(-1% su ieri). Tra loro i ricoverati sono 216 (+7 persone su ieri, +3,3%) di cui 22 in terapia intensiva (-1 persona pari al -4,3%). Altri 5.262 positivi sono in isolamento a casa «poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi» (-63 persone su ieri pari al -1,2%).

Nonna si affaccia dal balcone e inveisce contro i no green pass in corteo a Udine

Salgono da 275 a 348 i contagi nel Lazio dove il tasso di positività resta però al 2,2% mentre si contano altri 7 decessi dopo i 3 di ieri. Scende, in Campania, l'indice di contagio. Nelle ultime 24 ore sono 279 i casi positivi al Covid, appena uno meno di ieri, quando l'indice era pari al 2,1%, mentre oggi si attesta all'1,23%. Tre i decessi, come ieri. Negli ospedali resta quasi del tutto invariata la situazione nelle terapie intensive con 16 ricoveri (-1), mentre aumentano a 189 i ricoveri in degenza (+17) . Oggi in Puglia si registrano 102 nuovi casi di Coronavirus contro i 93 di ieri (0,44% di positività) e 2 decessi.

Quasi tutto il Nord-Italia, con l'eccezione di Veneto, Emilia Romagna e provincia di Bolzano, è in verde nella mappa aggiornata sull'incidenza del Covid in Europa, curata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). In Italia, ma anche in Francia e Spagna, le aree con bassa incidenza di nuovi contagi sono sempre più numerose. In rosso resta tutta la Germania. Le regioni dove la situazione è più seria, invece, si trovano in Slovenia, Romania, parte meridionale della Bulgaria e Repubbliche baltiche. Romania e Bulgaria sono i paesi Ue con i tassi di vaccinazione più bassi.

Nel primo giorno di green pass obbligatorio neri luoghi di lavoro e di addio allo smart working per molti dipendenti pubblici si osservano scioperi nelle aziende, proteste nei porti e disagi nei trasporti. Ma nessun blocco. La protesta no pass non ferma l'Italia. Nel primo giorno di obbligo di Green pass per chi lavora, però, aumentano i certificati di malattia. Alle 12 i dati dell'Inps per pubblico e privato registrano un aumento del 23,3% rispetto a venerdì scorso. Il sistema tamponi nel primo giorno del Green pass al momento, sta tenendo: alle 13 ne risultavano effettuati circa 200mila, contro i 100mila di ieri", afferma nel frattempo in una nota Renato Brunetta, ministro per la Pubblica amministrazione.

Nelle piccole attività del terziario e nel turismo la percentuale i dipendenti `sprovvisti´ di green pass si attesta invece al di sotto del 5%. È quanto emerge da un sondaggio condotto da Confesercenti con SWG su un campione di 500 titolari di PMI con dipendenti. «Il 78% degli imprenditori ha confermato di aver controllato - come da linee guida - il certificato già durante la settimana, mentre il restante 22% lo ha fatto oggi - informa una nota di Confesercenti - Sette titolari su 10 hanno controllato in prima persona il pass dei dipendenti, mentre il restante 30% ha delegato ad un altro dipendente». Per quanto riguarda i dipendenti sprovvisti di certificato, «solo il 20% delle imprese pensa ad una sostituzione, un dato che ci porta a ritenere che i rischi di interruzione di attività siano su livelli minimi. La maggioranza degli imprenditori ritiene che sia una misura positiva che garantisce maggiore sicurezza sul luogo di lavoro - conclude Confesercenti - ma c'è anche una quota di intervistati che sottolinea l'impatto negativo dei maggiori oneri organizzativi ed economici dovuti al controllo del pass in azienda».

Vaccini, Gianni Rezza su Sputnik: "Riconoscimento, terza dose o esenzioni: stiamo valutando"

Ma l’effetto green pass dopo giorni di stanca continua a farsi sentire anche sul fronte vaccinale. Nell'ultima settimana sono state iniettate 1.208.156 di dosi di vaccino anti-Covid. Il dato è in aumento di 127.657 rispetto alla settimana precedente, quando ne erano state somministrate 1.080.499. È quanto emerge dal report settimanale della struttura del commissario Francesco Figliuolo.
Sono invece 7.958.368 gli italiani over 12 ancora senza alcuna dose di vaccino anti-Covid. Rispetto ad una settimana fa, si sono registrate circa 400mila prime somministrazioni. Gli over 50 privi di copertura contro il Coronavirus sono 2.868.666, pari al 10,3% della popolazione complessiva di questa fascia d'età.

No green pass, in 7mila a Bologna. Insulti a Liliana Segre

Federfarma intanto ha invitato le farmacie ad offrire l'esecuzione gratuita del tampone a coloro che accettano di prenotare la somministrazione del vaccino, quale «ulteriore incoraggiamento ad immunizzarsi contro il Covid». Per «accelerare l'ampliamento della copertura vaccinale della popolazione», l'associazione ha infatti «invitato le farmacie associate che garantiscono il servizio di vaccinazione a proporre ai cittadini che chiedono un tampone antigenico rapido di sottoporsi alla vaccinazione, prenotandone contestualmente la somministrazione».

Covid, il presidente di Moderna: "Adesso costruiamo uno scudo globale contro i virus"

Video del giorno

Valanga sulla pista da sci in Val d'Aosta, gravissimo un addetto alla sicurezza

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi