Rapporto Censis, per 8 italiani su 10 la formazione non garantisce più un lavoro stabile e ben pagato

8,9 milioni di over 65 aiutano le famiglie di figli e nipoti. Aumentano i lettori dei siti di informazione e dei libri, mentre diminuiscono drasticamente quelli dei giornali 

ROMA. L'80,8% degli italiani mostrano sfiducia nel ruolo dell'istruzione come fattore decisivo per garantirsi una sicurezza economica e lavorativa. Soprattutto i giovani (l'87,4%), chi è in possesso di una laurea (l'85,5%) e chi si colloca in una condizione di reddito bassa (l'81,3%) non vedono la correlazione diretta tra impegno nella formazione e garanzia di un lavoro stabile e adeguatamente remunerato. Secondo il 55° rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese aumentano i lettori di libri, mentre diminuiscono drasticamente quelli dei giornali ormai in crisi conclamata.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

La pizza è anche scienza: 5 consigli per ottenere a casa un risultato perfetto

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi