Un italiano su cinque è di nuovo in zona arancione: si torna al cibo a domicilio (+59%) e allo smart working

A causa dell’avanzare dei contagi le restrizioni anti-Covid riguardano 11,7 milioni di persone residenti in Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Sicilia e Valle d'Aosta. I risultati dello studio Coldiretti sugli effetti economici e sociali. Ecco come cambiano i comportamenti di consumo

ROMA. La maggiore contagiosità della variante Omicron e la circolazione del virus soprattutto nelle fasce di popolazione ancora non vaccinate riportano un italiano su cinque in zona arancione. Crollano i consumi fuori casa, record di cibo a domicilio.  A causa dell’avanzare dei contagi le restrizioni anti-Covid tornano a riguardare 11,7 milioni di persone residenti in Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Sicilia e Valle d'Aosta.

Ritorno alla fase uno

Ecco i risultati dello studio di Coldiretti sugli effetti economici e sociali. Un balzo indietro per un quinto della popolazione che torna così alla prima fase della pandemia. «Un cambiamento destinato ad accentuarsi con il varo da parte del governo del nuovo decreto per l'accesso agli esercizi commerciali. Dal punto di vista alimentare si registra un crollo dei consumi fuori casa in bar, ristoranti, trattorie e agriturismi provocato anche dalla preoccupazioni per i contagi, dallo smart working e dal calo del turismo ma al contrario - precisa la Coldiretti - si segnala un aumento degli acquisti in negozi, supermercati e mercati dove peraltro non sarà necessario il Green Pass». In ulteriore forte crescita a inizio anno la consegna a domicilio con la “food delivery” che ha raggiunto in Italia il valore record di 1,5 miliardi nel 2021 con un incremento del 59% rispetto all'anno precedente, secondo l'Osservatorio nazionale sul mercato del cibo a domicilio.

Effetti della differente colorazione
Per l'avanzare dei contagi un italiano su cinque (20%%) per un totale di 11,7 milioni di persone residenti in Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Sicilia e Valle d'Aosta si trova in zona arancione. E' quanto emerge dall'analisi della Coldiretti su dati Istat in riferimento agli effetti del cambio di colore con appena 1,7 milioni di persone in Basilicata, Molise e Umbria che restano in zona bianca mentre la maggioranza del 77% degli italiani si trova in zona gialla. Sono gli effetti dell'avanzata della variante Omicron che, sottolinea la Coldiretti, sta mettendo sotto pressione le strutture sanitarie ed alimentando preoccupazioni tra i cittadini. Nonostante il fatto che la differenza tra zona bianca, gialla e arancione sia stata in gran parte annullata dalle ultimi provvedimenti, la presenza di milioni di persone prive di Green Pass perché contagiate, non vaccinate o in isolamento sta profondamente modificando, evidenzia la Coldiretti, i comportamenti di consumo degli italiani.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Omicidio a Foggia, quattro colpi di fucile e la vittima non ha scampo: in 10 secondi il killer uccide e scappa

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi