Covid, Boris Johnson agli inglesi: “Terza dose a tutti gli adulti entro gennaio, non diamo al virus un’altra possibilità”

Il premier: «Non credo sarà necessario un nuovo lockdown». Scattano nuove misure per contenere i contagi

«Aspetterò il momento, sarà giovedì. E mi vaccinerò. Voi fate lo stesso: quando è il vostro turno vaccinatevi e ditelo ai vostri amici, ai vostri parenti. Non diamo al virus un’altra possibilità». Il premier britannico Boris Johnson è tornato a parlare alla nazione in un momento in cui la nuova ondata di casi, e lo spettro della variante Omicron, preoccupano non poco. Tanto che le autorità sanitarie hanno già dato il via libera alla terza dose per gli over 18 anticipandola, unico paese a farlo fino ad ora, a soli 3 mesi dalla seconda. E stanno reintroducendo l’obbligo della mascherina sui mezzi pubblici e nei luoghi chiusi.
«L’obiettivo», ha proseguito il premier,  «è garantire una dose booster per tutti gli over 18 entro la fine di gennaio. I centri vaccinali stanno riaprendo, e a breve 400 militari verranno impegnati per dare sostegno a questa nuova campagna vaccinale»

***Iscriviti alla Newsletter Speciale coronavirus

«So che c’è molta frustrazione per questa nuova variante Omicron», ha aggiunto il premier, «siamo tutti stanchi, ma ricordiamoci che la situazione sarà comunque migliore di quella di un anno fa. I nostri scienziati stanno lavorando per capire di più su questa variante». Johnson ha poi ringraziato a nome di tutto il paese il personale sanitario britannico e ha chiuso: «E’ estremamente improbabile' un nuovo lockdown in Gran Bretagna per la diffusione della variante Omicron del virus, il cui numero di contagi finora è piccolo. Staremo a vedere cosa accadrà, ma non credo sia necessario un nuovo lockdown come quello che abbiamo avuto prima».

Video del giorno

Studenti in piazza a Torino, scontri con la polizia

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi