Zingaretti a Renzi: "Intollerabile stare con i piedi in due staffe”. La replica: “Non siamo yes man”

L’ex premier: «Ristoranti aperti fino alle 22. Cinema e teatri non sono posti dove si rischia di morire» 

«Chiederemo al Premier di modificare il Dpcm». Lo scrive Matteo Renzi nella sua Enews. «Teresa Bellanova, da ministra delegata, sta combattendo per i ristoranti e soprattutto per la filiera collegata. Elena Bonetti, da professoressa universitaria prima ancora che da ministra, sta chiedendo quali siano i modelli matematici che supportano le decisioni del Governo» spiega Renzi.

Nuovo dpcm, cosa è possibile fare prima e dopo le 18 dal 26 ottobre al 24 novembre

«Alcuni amici hanno lanciato una petizione per tenere aperti i luoghi di cultura e le palestre. In Parlamento, chiederemo che il Presidente Conte valuti di seguire la stessa strada intrapresa dal Presidente dell'Alto Adige, che ha firmato un'ordinanza che prevede che i ristoranti siano aperti fino alle 22. Per quanto riguarda la ristorazione, è bene ricordare che i dati Istat- che mettono insieme alberghi, ristoranti e bar - ci dicono che il valore aggiunto 2019 di questo aggregato è di 64 miliardi di euro, quasi equivalente a quello di tutto il comparto edilizio».

L'infettivologo Bassetti: "Basta instillare paura e terrorizzare la gente, i numeri vanno letti diversamente"

Quindi l’affondo sui teatri e i cinema. «Mi ha colpito – scrive Renzi – che proprio il Ministro della Cultura abbia giustificato la chiusura dicendo che dobbiamo salvare vite umane. Io dico che certo, è vero, vogliamo salvare vite umane. Ma basta essere andati al cinema o al teatro, in queste settimane, per capire che non sono posti dove si rischia di morire, ma dove - anzi - si impara a vivere meglio». A breve giro arriva la risposta del vice segretario del Pd, Andrea Orlando: «Ricordo nitidamente i giorni nei quali i ministri, finito il cdm,andavano in piazza a manifestare contro il governo. Tempi assai più semplici di questi eppure non andò bene allora, per il governo ma ancor più il Paese». Quindi, a metà pomeriggio l’affondo duro del segretario Dem Nicola Zingaretti durante al direzione: «E' sempre stato sbagliato, ma ora stare con i piedi in due staffe è eticamente intollerabile. In gioco c'è la vita delle persone. L'Italia si aspetta da chi ha responsabilità di governo serietà e autorevolezza».

Nuovo Dpcm, Franceschini: "Chi protesta per cinema e teatri non capisce la gravità della situazione"

Non si fa attendere la controreplica di Matteo Renzi: «Chiedere di organizzarsi meglio non è lesa maestà ma buon senso. Siamo in maggioranza ma non siamo mai stati e mai saremo Yes Man. E poi confesso che ci sono abituato: anche ad aprile dicevamo cose scomode che poi però si sono rivelate vere. Prima ci insultano, poi ci ignorano, poi ci danno ragione senza ammetterlo. I decreti vanno adottati su base scientifica, non su emozioni passeggere. La situazione sanitaria è seria: la politica deve essere all'altezza».

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi