Viaggi

Controvento. Elizabeth Bishop: esplorando il cuore del Brasile lungo il "fiume magico"

Elizabeth Bishop negli anni Cinquanta 
La poetessa statunitense intraprese un viaggio solitario lungo le acque limacciose e rosse del Rio São Francisco, "quella terribile estensione d’acqua", come lo aveva chiamato João Guimarães Rosa nel Grande Sertão. Elizabeth amava i viaggi in cui nulla accadeva. Cercava una polena di jacaranda, ma in quell'universo così speciale scoprì qualcosa che fino ad allora non era ancora riuscita a comprendere
3 minuti di lettura

Quando il 29 maggio 1967 Elizabeth Bishop salì a Pirapora sul battello che l’avrebbe portata lungo il Rio São Francisco, non conosceva ancora quale strada avrebbe preso. Aveva programmato quel viaggio per anni con la sua compagna Lota ma poi, purtroppo, le cose aveva preso una brutta piega. Quel viaggio poi lo aveva immaginato con Lili, la persona che pareva potesse offrirle un po' di ristoro.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori