Beauty
L’attrice e modella Greta Ferro, 26 anni, volto internazionale di Armani Beauty. Foto courtesy Armani Beauty
L’attrice e modella Greta Ferro, 26 anni, volto internazionale di Armani Beauty. Foto courtesy Armani Beauty 
Beauty

Il fondotinta che nasce da una sostanza testata nello spazio

Un prodotto pensato per conciliare coprenza e leggerezza, tenuta ed elasticità, ha fatto il suo ingresso nei laboratori Armani Beauty

1 minuti di lettura

La Nasa l’ha utilizzato per catturare e portare sul nostro pianeta polvere di stelle e di comete. Dallo spazio alla cosmetica: questa sostanza, chiamata aerogel, ha fatto il suo ingresso nei laboratori Armani Beauty, tra gli ingredienti di Power Fabric +, il più recente fondotinta del bran. La ragione? Sorprendente e impalpabile, l’aerogel è composto essenzialmente d’aria (per il 99,8% del suo volume), conferisce al fondotinta buona coprenza, finish mat e grande leggerezza. «È una novità che mostra come la scienza cosmetica sia in evoluzione. Il fondotinta, si sa, è uno dei prodotti più complessi da formulare», spiega il direttore dell’innovazione Johan Lundin. 
In effetti, l’acrobazia che si richiede a questo cosmetico è coniugare elementi in apparenza inconciliabili: coprenza e leggerezza, tenuta ed elasticità, comfort e colore. 
«La ricerca è un motore essenziale per far progredire i fondotinta, le cui vendite sono aumentate a doppia cifra nel post-confinamento», spiega l’agenzia Npd in un rapporto sul mercato globale uscito quest’estate.
L’esperienza di Maestro, il fondotinta di Armani Beauty lanciato nel 2010 e diventato un best seller per il suo modo rivoluzionario di miscelare oli e acqua, ha messo i laboratori del brand sulla strada giusta. «Un buon equilibrio di oli accuratamente scelti è determinante per ottenere fluidità e diffondere la luce in modo soft, senza l’uso di particelle madreperlate che creano una luminosità innaturale». Quindi intervengono i colorist, tecnici specializzati che creano le tinte della collezione. Giusto per farsi un’idea, i laboratori Armani Beauty ne hanno ben 5 che lavorano in esclusiva per il brand. 
«Il loro ruolo è fondamentale perché il ventaglio di tonalità deve rispondere alle attese delle consumatrici per le quali il fondotinta ha un forte valore identitario», aggiunge Micheline El Achkar, direttrice dei laboratori make-up. Per Power Fabric + è stata introdotta la tecnologia Micro-fil, che è ispirata all’universo tessile: si tratta di un intreccio, una tessitura di pigmenti su una base trasparente che garantisce lunga tenuta al trucco. E a chi si immagina che i colorist lavorino su una tavolozza infinita, El Achkar ricorda che per i fondotinta bastano quattro tinte (nero, giallo, rosso e bianco) per realizzare tutte le nuances (22 in questo caso). Il resto, sta tutto al loro ipersofisticato occhio.