In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Storie
Molto forti, abbastanza vicine: tre generazioni di fotografe in mostra
Storie

Molto forti, abbastanza vicine: tre generazioni di fotografe in mostra

L’agenzia Magnum celebra 75 anni di storia portando in mostra a New York tre generazioni di professioniste che stanno riscrivendo le regole dell’immagine

4 minuti di lettura

Quando la raggiungiamo via Zoom, la curatrice ed esperta di fotografia Charlotte Cotton è a New York dove sta allestendo Close Enough: New Perspectives from 12 Women Photographers of Magnum, la collettiva che raccoglie il lavoro di tre generazioni di autrici di una tra le più famose agenzie internazionali (in occasione dei suoi 75 anni di storia). Alle spalle di Charlotte, nelle sale ancora spoglie dell’International Center of Photography (dove la mostra sarà esposta fino al 9 gennaio 2023), si intravedono sul pavimento le immagini incorniciate di donne che hanno fatto la storia di Magnum (come Susan Meiselas), di artiste affermate (come Alessandra Sanguinetti, Olivia Arthur o Newsha Tavakolian) e di nuove leve dello sguardo documentario (come Lua Ribeira e Myriam Boulos). Gli scatti di Knit Club di Carolyn Drake, viaggio surreale all’interno di un enigmatico circolo di amiche nel sud degli Stati Uniti, aspettano di essere appese alla parete, mentre qualcuno comincia a inchiodare le foto di Hafiz, lavoro firmato da Sabiha Çimen, esplorazione intima e coinvolta del quotidiano delle ragazze musulmane in Turchia.

Myriam Boulos, nel reportage dedicato alle ragazze di Beirut. In apertura uno scatto tratto da The Adventures of Guille and Belinda and The Enigmatic Meaning of Their Dreams, di Alessandra Sanguinetti. 
Myriam Boulos, nel reportage dedicato alle ragazze di Beirut. In apertura uno scatto tratto da The Adventures of Guille and Belinda and The Enigmatic Meaning of Their Dreams, di Alessandra Sanguinetti.  

A tenere insieme la varietà delle loro opere, nel segno – poetico e militante – della complessa ed esplicita relazione di collaborazione che ha legato queste fotografe ai protagonisti dei propri racconti, c’è appunto la nostra interlocutrice di oggi. Ovvero una tra le più illuminate curatrici di fotografia sullo scenario internazionale. Cotton comincia subito parlandoci della loro  misura del celebre “abbastanza vicino” (close enough), coniato dal co-fondatore di Magnum Robert Capa (“Se le tue foto non sono abbastanza buone, vuol dire che non sei andato abbastanza vicino”, recita infatti la sua frase più citata).

Olivia Arthur e uno scatto del suo Family at Home. 
Olivia Arthur e uno scatto del suo Family at Home.  

Perché proprio questo titolo?
«All’inizio non mi convinceva per niente. Perché citare proprio le parole di un uomo in una mostra di sole donne? Ma poi ho capito che conteneva una rivendicazione: queste fotografe si sono attribuite il diritto di definire cosa significhi per loro “abbastanza vicino”, e di cos’è, per loro, “una buona foto”». 

Tutti i progetti in mostra sono il risultato di un’intensa collaborazione tra le fotografe e i soggetti delle loro opere. È il segno di un superamento della prospettiva tipica della fotografia documentaria tradizionale?
«Le fotografe in mostra sono in prima linea in questo cambiamento. Lo stesso termine di “collaborazione” per descrivere la relazione tra autore e soggetto è una definizione con cui la maggior parte dei fotografi, tradizionalmente, non è mai stata a proprio agio. Ma io credo che proprio il genere con cui queste fotografe si identificano sia fondamentale per la loro capacità di costruire un dialogo orizzontale. L’essere donne le spinge a interrogarsi costantemente sulla propria relazione con i soggetti. Il paradosso è che le donne, spesso, sono definite attraverso le loro relazioni: una donna è “la moglie di”, “la figlia di”, “la madre di”. La mostra, invece, cerca di esplorare questo concetto di “relazionalità” da un punto di vista diverso. Penso per esempio a un progetto come quello di Nanna Heitmann, artista russo-tedesca, tra i pochi fotografi indipendenti tornati in Russia per raccontare il dissenso contro la guerra in Ucraina, occultato dai media locali. Le proteste sono imponenti, moltissime persone sono scese in strada e sono state arrestate: il lavoro di Nanna affronta queste questioni che attraversano anche la sua vita. Quindi, è lei stessa il soggetto del proprio lavoro».

Altre foto in mostra all’International Center di New York, per Close Enough: New Perspectives from 12 Women Photographers of Magnum (fino al 9 /1/2023). Nella foto uno scatto di Hannah Price
Altre foto in mostra all’International Center di New York, per Close Enough: New Perspectives from 12 Women Photographers of Magnum (fino al 9 /1/2023). Nella foto uno scatto di Hannah Price 

Un progetto come quello di Bieke Depoorter – racconto durato tre anni del rapporto della fotografa con Agata, musa e amica – spinge invece l’intensità di questa relazione al punto da farci domandare chi sia, in realtà, l’autrice stessa…
«La complessità e la durata della “negoziazione” tra Agata e Bieke porta quasi a un’inversione di ruolo. In che percentuale l’autrice è Bieke e in che percentuale l’autrice è Agata? Il lavoro di Bieke sceglie di non dare una risposta univoca. L’installazione in mostra contiene video, fotografie, email, messaggi, che offrono uno spaccato su quello che Agata pensa del progetto che lei e Bieke stanno portando avanti insieme, aprendo una finestra su quanto possa essere intensa e complicata la relazione tra un fotografo e un soggetto. Ho scelto di esporlo nella stessa stanza di quello di Cristina de Middel: tutti e due i progetti chiamano infati in causa il concetto di autorialità, e lo fanno esplorando un orizzonte particolarmente delicato, quello dei sex-worker. Agata lavora come escort, e ha fatto del suo lavoro parte della narrativa che lei e Bieke hanno costruito. Cristina ha deciso di mettere in discussione il modo in cui la prostituzione è tradizionalmente rappresentata dalla fotografia documentaria, ritraendo i clienti delle prostitute. Entrare nella stanza dove sono esposte le loro immagini significa, in un certo senso, aprire il vaso di Pandora delle contraddizioni che la fotografia può contenere». 
Gentlemen’s club di Cristina de Middel e City of Brotherly Love di Hannah Price propongono una riflessione sugli uomini che vedono le donne come oggetti, articolando un’inversione tra il soggetto che guarda (tipicamente maschile) e l’oggetto dello sguardo (tipicamente femminile).

È tratta invece da Agony in the Garden la foto firmata da Lua Ribeira.
È tratta invece da Agony in the Garden la foto firmata da Lua Ribeira. 

Gli equilibri della rappresentazione tra uomo e donna stanno cambiando definitivamente?
«Tutti i lavori in mostra pongono questa questione, ma quando si guarda il lavoro di Hannah Price ci si rende conto inequivocabilmente di come la tradizionale posizione di vantaggio maschile nell’esercizio “del punto di vista” si stia ribaltando. Il progetto di Hannah nasce quando lei, giovane fotografa afroamericana, decide di ritrarre gli uomini che le facevano catcalling per le strade di Philadelphia. Le sue immagini sono diventate virali, perché, chiamando in causa in maniera diretta gli uomini che la approcciavano, sono entrate a far parte della narrativa del #MeToo. Il suo intento, però, non era “criminalizzarli”: il modo in cui li ha ritratti è delicato. La macchina fotografica è diventata uno strumento di ribaltamento e di dialogo tra loro».

Ma è ancora necessario fare mostre focalizzate sul genere?
«In realtà per me è la prima mostra che curo con questo approccio. Più che soffermarmi sullo spettro di genere, mi è sempre interessata l’idea di naturalizzare il ruolo delle donne all’interno della storia della fotografia. Ma ora qualcosa è cambiato. Credo che in questo momento sia fondamentale far sentire la propria voce, soprattutto con il colpo inferto ai diritti delle donne in America dal ribaltamento della sentenza Roe v. Wade, pietra miliare del diritto all’aborto. Bisogna anche interrogarsi su cosa significhi appartenenza di genere, perché per 12 artiste che si definiscono “donne” ci sono dodici interpretazioni diverse del termine». 

Qual è il punto di incontro tra loro? 
«Il bisogno di interrogarsi sul proprio ruolo. Il non sentirsi legittimate a prescindere a esercitare il proprio punto di vista su qualcosa o su qualcuno le porta a domandarsi: “Chi sono io per sentirmi in diritto di raccontare questa storia?”. Ma non è solo una questione di genere: qualunque individuo la cui identità esuli dallo standard del sistema patriarcale e del suprematismo bianco sarà continuamente costretto a porsi questa domanda». 

Un poliziotto durante una protesta anti-Putin, da un lavoro di Nanna Heitmann.
Un poliziotto durante una protesta anti-Putin, da un lavoro di Nanna Heitmann. 

Se questi parametri influenzano e definiscono la misura che queste fotografe hanno del concetto di close enough, cosa definisce, per lei, l’idea di una foto “abbastanza buona”?
«Ho sempre nutrito molti sospetti nei confronti di una definizione come “buona foto”. Nei lavori delle fotografe in mostra non c’è mai niente di pigro, stereotipato o convenzionale. Non hanno paura di dire quello che vogliono e di essere aperte e oneste riguardo alle loro pratiche: guardando i loro progetti alle pareti, puoi sentire le lacrime e il sudore spesi per realizzarli. Per loro, ogni singola immagine rappresenta il frutto di una scelta consapevole, ed è questo l’unico parametro a cui faccio riferimento per valutare una foto come “buona”».  

Uno scatto dell’autrice turca Sabiha Çimen: due ragazze al Luna Park di Istanbul
Uno scatto dell’autrice turca Sabiha Çimen: due ragazze al Luna Park di Istanbul 

Una foto tratta dal progetto Knit Club, di Carolyn Drake.
Una foto tratta dal progetto Knit Club, di Carolyn Drake.