In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
STORIE
I fuochi d’artificio multisensoriali realizzati da Bonpas & Parr nel capodanno 2013/2014 per il comune di Londra, quando inebriarono il centro della città con un aroma di fragola. Courtesy Bompas & Parr
I fuochi d’artificio multisensoriali realizzati da Bonpas & Parr nel capodanno 2013/2014 per il comune di Londra, quando inebriarono il centro della città con un aroma di fragola. Courtesy Bompas & Parr 

Show culinari, mostre, performance: se l’estetica del cibo conta almeno quanto il sapore

Bompas & Parr è un'agenzia di comunicazione ed eventi che disegna esperienze legate al food fuori dall’ordinario, fondata quasi per gioco da due amici, Sam Bompas e Harry Parr: «Cercavamo qualcosa di divertente da fare nel fine settimana, volevamo coinvolgere il pubblico con esperienze legate al gusto, come cucinare con la lava, lanciare fuochi d’artificio che inebriassero l’aria di sapori inediti, sperimentare la jelly art»

2 minuti di lettura

Di cosa ci nutriremo nei prossimi decenni? E soprattutto come? C’è chi preannuncia cene sotto ipnosi, il boom del dattero, della cucina arabo-saudita e scodelle di terra opportunamente valutata da una generazione di “somelier del suolo”, per fare scorta di sali minerali e vitamine. Ad annunciare queste visioni sull’orizzonte gastronomico del pianeta terra è la Bompas & Parr, agenzia di comunicazione ed eventi che disegna esperienze legate al food fuori dall’ordinario. A fondarla, quasi per gioco, sono stati due amici, Sam Bompas e Harry Parr. «Cercavamo qualcosa di divertente da fare nel fine settimana, volevamo coinvolgere il pubblico con esperienze legate al gusto, come cucinare con la lava, lanciare fuochi d’artificio che inebriassero l’aria di sapori inediti, sperimentare la jelly art», spiega Bompas. Lui e Parr si sono conosciuti a scuola, all’età di tredici anni, quando suonavano nella stessa orchestra. Quindici anni fa è nata la loro società che oggi vanta clienti come il Victoria and Albert Museum, Barbican, Netflix, LVMH, Mercedes. 

L’installazione Funeral Jelly, esposta nel 2009 al Moma di San Francisco. Foto Ann Charlott Ommendal
L’installazione Funeral Jelly, esposta nel 2009 al Moma di San Francisco. Foto Ann Charlott Ommendal 

Ultimi aggiornamenti dalle frontiere del food style? 
«Il nostro approccio alla gastronomia può essere accomunato alla visione creativa del New London Fabulous, il recente movimento che ha introdotto nel campo del design e dell’architettura colori, stampe, decorazioni massimaliste. Una tendenza sempre più importante è poi la presentazione dinamica di cibo e bevande. Ci piace far sí che gli elementi danzino nel piatto, per rendere l’evento più cinematografico».  

Come descrivereste il vostro rapporto con il cibo? 
 «Un po’ come Wagner vedeva l’opera, in termini di gesamtkunstwerk, come una sintesi di diverse discipline artistiche». 

 Che ruolo gioca la tecnologia? 
«Importante. Dopo tutto, il fuoco stesso e la forchetta sono a loro modo tecnologie che hanno plasmato ciò che mangiamo e come lo mangiamo. Oggi per creare i nostri show culinari attingiamo al mondo del design, dell’architettura, della scienza e dell’ingegneria». 

Il vostro ingrediente cult? 
«La gelatina. Sperimentiamo tecniche e performance da quindici anni e stiamo notando che è ormai in atto una sorta di rinascimento globale di questo elemento. Tantissimi creativi ne stanno facendo materia di studio». 

 Qualche esempio concreto del vostro lavoro? 
 «L’Alcoholic architecture, una nuvola al gin tonic che gli ospiti potevano attraversare e assaporare. La prima mostra che abbiamo curato per il British Museum of Food: un viaggio alla scoperta della storia del gelato che iniziava in una cella frigorifera per poi passare all’analisi delle reazioni che provoca il gelato nel cervello. Uno dei nostri eventi preferiti è stato The Joy of Bees per Relais & Chateaux a Milano, in cui gli ospiti hanno potuto assaggiare qualità pregiate di miele proveniente da varie parti del mondo, nella cornice di un floating garden in Brera, accompagnato dalla melodia provocata da 20 mila api in volo». 

Quali saranno i protagonisti dei vostri prossimi banchetti?  
«Stiamo curando una ricerca di frutti e specie botaniche ancora sconosciute e mai assaggiate. E nutriamo una certa mania per le felci vittoriane e per tutto ciò che si illumina al buio».