In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
CASAMATTA
Un matrimonio di uguali
CASAMATTA

Un matrimonio di uguali

La sorpresa di sentirsi raccontati nelle parole degli altri

2 minuti di lettura

I sette gentili e sorridenti amici che seguono qui e là i miei disordinati pensieri già sanno che c’è stato un matrimonio, giorni fa, che mi ha fatto riconsiderare la bellezza di un rito di solito molto faticoso per tutti: per l’ansia di preparare ogni cosa affinché sia proprio come deve, come gli altri si aspetteranno che sia – e dunque l’ostentazione, sia detto con affetto per chi si sottopone alla durissima prova, delle proprie capacità organizzative. Ma no, non è detto. Non è obbligatorio fare “come si deve”, si può sempre fare “come si vuole”. Non ne avevo avuto sentore nemmeno questa volta, pensavo a un matrimonio tradizionale ed ero contenta così, contenta comunque, perché amo molto gli sposi – la sposa, in particolare, è mia nonna e mia figlia – ed ero pronta al rito come chiunque si attende che sia. Quand’ecco che mi sono trovata coinvolta in una cerimonia che sembrava un vestito tagliato su misura. Per loro, per noi, per tutti. Racconti, pensieri, promesse, poesie, canzoni. Desideri. Piccoli segreti dispiegati. Sono stati loro, insieme alla celebrante, a disegnare la sequenza di una serie di gesti semplici e bellissimi per arrivare alla fine – dopo un racconto divertente, commovente – alla lettura dei celebri articoli e dunque vi dichiaro, eccetera. 
Avevo assistito molti anni fa al funerale di una zia adorata in cui un tipo dai lineamenti asiatici mai visto prima nella vita si rivolgeva a me chiamandomi con confidenza per nome: con te, Concita, era rimasto in sospeso questo tema su cui lei ha molto riflettuto, e pensa di doverti suggerire questo. Sbigottita dalla precisione di dettaglio di questioni tanto intime ero andata a chiedergli, dopo, quando avesse conosciuto mia zia e dove. Come mai non ci fossimo mai incontrati prima, noi due. Lui, con un sorriso, mi aveva spiegato che era arrivato due mesi prima della sua morte: lo aveva chiamato lei per lasciargli le consegne, sciogliere alcuni nodi, chiarire, dire a ciascuno quel che avrebbe voluto. Un professionista straordinario. Non avevo idea che la stessa cosa potesse accadere ai matrimoni. La celebrante, una giovane donna inglese di nome Clarissa, ha studiato la vita dei due sposi, con affetto gentile: ne ha fatto un racconto, ha cucito un vestito. Si è rivolta agli ospiti raccontando la loro vita da bambini, il loro primo incontro, il ritrovarsi senza quasi riconoscersi, e insomma si è dipanata la storia di due vite come fosse un romanzo, davanti ai nostri occhi e ai loro, sgranati. Perché quando qualcun altro parla di te è sempre una sorpresa, è vedersi nello sguardo di un altro, scoprire pezzi, capire cose. Ci si è quasi dimenticati che fosse un matrimonio, alla fine: c’erano amici che portavano oggetti, ce n’erano altri che leggevano poesie, qualcuno cantava, infine ha cantato la sposa: che ha la voce di sorgente, antica e pura, e questo fa nella vita – per nostra fortuna. Canta. Ma ci tengo a ripetere, ne vale la pena, che prima dello scambio di anelli Erica e Alessandro hanno letto un testo che dice “questo è un matrimonio di uguali”. Lo hanno letto all’unisono, ed è una cosa che fa piangere. Semplice, no? Eppure.