In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
CASAMATTA
Gramigna in casa d'altri
CASAMATTA

Gramigna in casa d'altri

Quando ho capito che valeva la pena stare con i fiori.

2 minuti di lettura

La mia bella e anziana madre, di soli dieci anni maggiore di Nanni Moretti e dunque come sempre le dico “magnifica ottantenne”, ogni volta che viene a trovarmi passa desolata ore e ore nel giardino a diserbare, reinvasare e mi domanda mesta come mai fate morire tutto, come mai non vi curate dei fiori. Ha tutte le ragioni. Moltissimi anni fa, quando i figli erano bimbi, decidemmo di trasferirci in una casa assai piccola per noi tanti che siamo, davvero angusta, ma con un giardinetto: dove loro avrebbero potuto andare in triciclo, giocare con le pistole a pallini senza spaccare i vetri, respirare quel po’ di aria che a Roma possa dirsi ossigenata e soprattutto stare fuori. Dai, ragazzi, andate fuori a giocare. Al principio fummo solerti giardinieri. Piantammo un albicocco e un ciliegio, che negli anni hanno portato colonie di simpaticissimi e interessanti insetti da osservare. Nacquero nespoli dai noccioli sputati, che preservammo come doni a dispetto dei vicini che dicevano: infestano. Mettemmo persino due amache, così che l’intero condominio potesse affacciarsi a guardarci con maggior diletto. Si andava nei vivai, di tanto in tanto, a rinnovare il bosso che moriva per via di certi parassiti, ma quello nuovo non crebbe e poco a poco, impercettibilmente, si rinunciò. 
I figli avevano smesso di giocare: i maggiori e i loro amici ci andavano a fumare per non fare puzza in casa, dicevano, e per altre ragioni che non indagammo mai. È rimasto infine, il giardino, un retrobottega abbandonato. Ci si sono accatastate biciclette e monopattini, vecchi sci Rossignol, sulle scavatrici gialle di plastica è cresciuta l’edera. Quando c’era mio padre, e veniva, faceva proselitismo col figlio di mezzo suo assoluto simile e gli insegnava i nomi latini delle piante. Poi anche quel tempo è passato. 
In pandemia, all’improvviso, il giardinetto ha ritrovato gloria. Ci siamo tutti, figli adulti compresi, riversati lì. A dipingere ferri arrugginiti, a stuccare panche di legno marcite, a sradicare ortiche con l’accortezza di trattenere il respiro, perché dice che se non respiri non pungono. È tornato bellissimo. Poi la reclusione è finita e la natura ha ripreso il sopravvento, mentre gli umani di nuovo si disinteressavano di lei. È impressionante come i fichi crescano dentro le case abbandonate, a farci caso. Adesso, ogni tanto, arriva mia madre: mette i guanti, scuote la testa, va dal fioraio del mercato a comprare ciclamini e gli dice sa, mia figlia ha da fare, povera cara. Riparte lasciando bordure, che mi guardano quando mi affaccio alla finestra e mi dicono ti prego: un sorso d’acqua. 
Scendo, allora. Sento la responsabilità dei padri che seminano incompresi: sempre meno figlia, sempre più madre presto nonna. Anch’io ho letto Voltaire, da ragazza, ma quel Candido che ripara nella cura dei fiori non lo capivo, mi pareva una rinuncia. Soprattutto, direi, mi sono sentita sempre gramigna in casa d’altri: ero io l’intrusa infestante da eliminare. Ora che il tempo cambia di nuovo, diversa si fa l’idea di tempo, ho forse capito, spero. Che vale la pena stare coi fiori, non è una rinuncia.