Rifiuti, Pinzano inventa la “bacheca del riciclo”

Il sindaco: «Così si riduce lo smaltimento e si rimettono in circolo gli oggetti». Oltre alla nuova ecopiazzola, altra iniziativa a tema sarà il “mercatino fai da te”

PINZANO AL TAGLIAMENTO. Sono stati avviati e procedono celermente, i lavori per la realizzazione di un’ecopiazzola nell’area delle ex scuole di Pinzano al tagliamento. In base al finanziamento provinciale ottenuto nel 2013, è stata individuata un’area che potesse essere abbastanza ampia per poter rispettare le norme previste in materia di stoccaggio di rifiuti, di proprietà comunale e facilmente accessibile da parte dei cittadini.

Vi si potranno smaltire il verde e materiali edili di modiche quantità, «inoltre – riferisce il sindaco Deborah Del Basso – è in corso una valutazione per quanto concerne gli ingombranti». Se sarà rispettata la tabella di marcia che l’amministrazione civica della Val d’Arzino si è imposta (un ruolo chiave lo gioca il meteo), i lavori termineranno entro maggio.

Un’iniziativa, quella dell’amministrazione Del Basso, che si inserisce nel ventaglio di proposte che il Comune di Pinzano ha attivato sposando la politica di una raccolta differenziata «più spinta che mai».

Non a caso, dal 1° gennaio sul territorio comunale è stato avviato un nuovo servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, affidandone la gestione ad Ambiente Servizi.

«La nostra amministrazione è in sintonia con la filosofia della raccolta differenziata spinta di Ambiente Servizi – sottolinea il sindaco –, al punto da sottoscrivere una sorta di calendario di impegni per il futuro, dove, alla fondamentale riduzione della produzione dei rifiuti, si affianca l’attenzione nell’educare i cittadini, al momento degli acquisti, a privilegiare prodotti con pochi imballaggi, evitando gli sprechi».

Il sindaco Del Basso annuncia poi un’ulteriore novità. «Il riciclo o il riutilizzo dei materiali è un tema di grande attualità – afferma –, e non soltanto per i materiali considerati rifiuti in senso stretto. Pensiamo, ad esempio, ai mobili o agli oggetti che magari sono ancora in buono stato, ma non vengono più utilizzati, alla necessità di svuotare cantine o seconde case. Se questi oggetti sono ancora in buone condizioni, perché invece di smaltirli non si cerca di venderli, regalarli o scambiarli con altri?».

Da qui l’attivazione sul sito internet comunale, fra i cosiddetti Servizi on line al cittadino, della “bacheca on line”, uno spazio in cui i pinzanesi possono decidere di vendere, scambiare o regalare oggetti. «E’ un modo intelligente – ribadisce Deborah Del Basso – per evitare lo smaltimento e rimettere in circolo le merci».

A tal proposito, in sinergia con lo Spazio giovani della Comunità montana, il sindaco sta già programmando per l’estate un mercatino “fai da te” dell’usato.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi