In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

«Urlano di tutto anche nelle giovanili: bisogna educare»

Bagatin è il referente regionale degli psicologi sportivi. «Al campo la gente si sfoga senza alcun controllo»

2 minuti di lettura

UDINE. Giandomenico Bagatin è il referente degli psicologi sportivi dell’ordine degli psicologi del Fvg. Ma è anche il padre di un bambino di 9 anni che gioca a calcio sui terreni della regione.

Campi di provincia dove, anche lì, sulle tribune sempre più spesso genitori fuori controllo si travestono da invasati sostenitori dei propri figli superando – abbondantemente – il confine e il limite del consentito.

E per questo, anche di fronte a questo nuovo caso di razzismo “in fasce”, lo psicologo conferma quell’idea che, in cuor suo, sostiene da tempo: per debellare il fenomeno bisogna lavorare, il prima possibile, sui più piccoli.

Dottor Bagatin, l’ha sorpresa quanto successo a Villanova?

«Purtroppo no, perchè ormai, anche nelle gare dei settori giovanili, si sente di tutto. Ma il problema principale è che, quasi sempre, il peggio non avviene in campo, bensì sugli spalti».

Gli adulti, in altre parole, rappresentano troppo spesso i peggiori esempi per i più piccoli?

«Certamente. Un bambino non conosce il razzismo, non sa cosa sia. Gli viene trasmesso da quanto sente dai genitori o, più in generale, dai “grandi” che ha attorno».

Che rapporto c’è, se esiste, tra gli stadi e i comportamenti non adatti?

«Il collegamento esiste, è indubbio. Lo stadio, così come il campo sportivo, è visto tante volte come il posto dove, culturalmente, il singolo ha la possibilità di sfogarsi impunemente. Diventa il luogo dove si possono pronunciare gli insulti più beceri che la maggior parte delle persone non si permetterebbe mai, invece, nemmeno di sussurrare nella vita di ogni giorno».

D’accordo, ma perchè arrivare sino al razzismo?

«Prendete una buona fetta dei cori cantati durante le partite e lo capirete. Allo stadio si va, metaforicamente, per picchiare duro. Per colpire l’avversario nei suoi punti deboli: per fargli più male possibile. E il colore della pelle diventa, spesso, l’obiettivo privilegiato dell’insulto».

Secondo lei come si può uscire, definitivamente, da questa situazione?

«Il cambio radicale della nostra società può avvenire soltanto lavorando sui bambini, dalle fasce d’età più pure e non ancora contaminate da certe visioni del mondo. Combattere il malcostume tra gli adulti, invece, è più difficile. Quanto una persona continua a vedere la diversità come un pericolo, invece che una possibilità di arricchimento comune, vuol dire che possiede un impianto culturale radicato nel tempo che lo porta a concepire la separazione da chi non è come lui come l’unica maniera possibile per vivere o, meglio, per sopravvivere».

Scusi, ma vuol dire che, con gli adulti, non c’è speranza?

«No, ma che la pressione deve essere molto più approfondita. Bisogna, cioè, lavorare per debellare l’ignoranza, intesa nella sua accezione di mancanza di conoscenza. Nei progetti di integrazione e che combattono il razzismo, anche in quelli lanciati recentemente dalla Federcalcio, si parte proprio dalla base spiegando che il concetto di razza, nell’homo sapiens, non ha alcun senso di esistere o fondamento scientifico. Questo è un primo aspetto cognitivo, ma il lavoro va fatto anche a quel livello che io definisco di cuore».

Ci può fare un esempio?

«Mettersi nei panni dell’altro individuo e provare anche lontanamente a capire quanto certi comportamenti, o determinate offese, facciano male a chi abbiamo di fronte».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori