In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Bancarelle sulla Rivierasca, il sindaco sposa il progetto

A Pordenone Pedrotti sostiene il “partito” del lungofiume, ma gli organizzatori sono tiepidi. Il primo cittadino: «Si sposti l’evento nell’area tra Marcolin e via Riviera»

2 minuti di lettura

PORDENONE. Cresce il “partito” della Rivierasca e soprattutto incassa il sì più importante, quello del sindaco Claudio Pedrotti. «Realizzare il mercato europeo in una parte del Marcolin per poi proseguire lungo la Rivierasca sarebbe la dimensione ideale del mercato europeo – dice il primo cittadino –. Da un lato ci sarebbe la possibilità di aumentare il numero delle bancarelle e distribuirle meglio e dall’altro ci sarebbe una cornice ideale per i visitatori, ma anche per il resto della città. Perché non avremmo il problema dei disagi dei residenti».

Questa idea, però, fa storcere il naso ai commercianti perché, già due anni fa – quando il mercato fu allestito al Marcolin – ci furono lamentele per il mancato collegamento tra l’area della manifestazione e il resto della città. «E’ ovvio – prosegue Pedrotti – che per raccordare le iniziative diventa importante organizzare degli eventi che animino il centro e siano complementari al mercato. I numeri che la città ha registrato in questi giorni portano a ritenere che ci siano margini per tentare una sperimentazione diversa».

L’idea però non convince gli organizzatori ovvero la Fiva Confcommercio. «Ho sentito di tutto e di più in questi giorni – analizza Andrea Maestrello, presidente provinciale di Fiva Confcommercio –, ma mi permetto di far notare che, per organizzare la manifestazione di quest’anno ovvero un mercato dimezzato (in termini di numero di bancarelle) rispetto a quello proposto nelle altre città, ci sono voluti otto mesi».

Secondo Maestrello il tema centro storico non può essere bypassato perché «l’esperienza Marcolin ci ha fatto capire che il mercato fuori dai centri non ha senso. Le persone che vanno al mercato europeo non si spostano in centro se questo non si trova là».

L’idea di allargare l’area del mercato è già un obiettivo degli organizzatori «e in questa chiave viale Martelli è sicuramente appetibile» evidenzia Maestrello. «Anche qui però bisogna ragionare in rete perché si tratterebbe di chiudere la circolazione e quindi la città dovrebbe affrontare comunque dei disagi».

Tra un paio di settimane l’organizzazione inizierà a lavorare all’edizione del prossimo anno «per iniziare a vedere intanto quali sono gli aspetti che non hanno funzionato e che sono migliorabili». Le parti – Confcommercio e Comune in primis (al quale aspettano anche i compiti di vigilanza e controllo) – avvieranno così il confronto anche sul sito. Il Comune chiederà comunque di studiare la soluzione lungofiume, soluzione che piace anche alle associazioni e ai residenti.

I prossimi anni saranno obbligatoriamente anni di sperimentazione lungo la Rivierasca perché, in base al piano urbano della mobilità sostenibile – ammesso che trovi realizzazione nei prossimi anni –, la strada non sarà resa pedonale prima del 2020, dopo il completamento della bretella sud e dopo la realizzazione di alcuni interventi complementari di viabilità. La prima sperimentazione si avrà con la festa del Noncello – tra il 19 al 21 giugno – promossa dalle associazioni della città. Via Riviera sarà chiusa da sabato pomeriggio e domenica.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori