Un solo morso ha ucciso Astrid

San Martino al Tagliamento, due famiglie distrutte dalla morte della bimba azzannata da un pastore belga. Mamma e zio indagati per omicidio colposo. Il padrone: «Non voglio più quel cane assassino». Il procuratore Martani: pur consapevoli dello strazio, il nostro ruolo ci impone di verificare cosa possa essere accaduto

SAN MARTINO. Prima lo strazio di perdere, a soli 3 anni, Astrid Guarini, ora le indagini sulla loro posizione nella vicenda, atto dovuto, ma che pesa come un macigno.

Il sostituto procuratore Maria Grazia Zaina ha iscritto nel registro degli indagati la madre di Astrid, Mara Menotto, e lo zio Loris Truant, proprietario del pastore belga Cloe, che ha azzannato alla giugulare la bimba, mentre si trovava con la cuginetta nel giardino degli zii, in via Tonello a San Martino al Tagliamento.

L’ipotesi di reato è omicidio colposo. Si tratta di un atto dovuto a tutela delle garanzie difensive, che consentirà anche la nomina di periti di parte nelle prossime fasi dell’indagine.

Le indagini. «I protagonisti della vicenda sono un cane e una bimba di 3 anni, affidati l’uno alla custodia del proprietario, l’altra a quella di un genitore – ha affermato il procuratore Marco Martani –. Almeno uno è venuto meno all’obbligo di vigilanza, noi dobbiamo provare ad accertare di chi si tratti. Per questo procediamo con l’indagine e l’iscrizione obbligatoria nel registro degli indagati. Pur consapevoli dello strazio, il nostro ruolo ci impone di verificare cosa possa essere accaduto».

Ieri i carabinieri di Casarsa, al comando del maresciallo Stefano De Luca, hanno consegnato in caserma, a Menotto e Truant, i provvedimenti del sostituto procuratore Zaina, che ha anche disposto la ricognizione esterna sul corpo della bambina.

Un esame visivo che sarà eseguito stamani, all’ospedale di Pordenone, dall’anatomopatologo Giovanni Del Ben. Se la ricognizione esterna non dovesse consentire di stabilire le cause della morte, si renderebbe necessaria l’autopsia. Ma si punta a evitarlo.

La ricostruzione. La causa del decesso appare chiara. Al momento i militari dell’Arma confermano la prima ricostruzione dei fatti. Astrid era con la cugina in cortile, assieme a Cloe. La madre era a pochi metri: era entrata in casa della sorella per prendere una borsa frigo e avrebbe ritardato di qualche secondo, alle prese con la chiusura della porta di casa, difettosa.

L’altra cugina di Astrid era col padre Loris Truant in via Valvasone, a casa della nonna, Silvana Zavagno (con la quale abitavano la vittima e la madre).

Bimba uccisa dal cane, la testimonianza: "Un animale tranquillo, non aveva mai fatto del male"

Il pastore belga ha dato un unico morso ad Astrid, all’altezza della trachea. Secondo la prima ricostruzione, la bimba avrebbe dato delle crocchette al cane, per poi ritirare il cibo.

Da lì la reazione dell’animale, tranquillo dopo l’aggressione. La cugina di Astrid ha telefonato al padre, che è accorso e ha rinchiuso Cloe.

Sedata per lo choc subito dalla perdita della figlia, ieri Mara Menotto è rientrata a casa dopo essere tornata all’ospedale, dove l’altra sera cercava di vedere Astrid, invano. E dove era giunto, da Latisana, anche il padre della bimba, Pietro Guarini.

Le testimonianze. Truant, in lacrime, ha affermato: «I cani sono docili e addestrati, hanno sempre giocato con le bambine. Sono educatore cinofilo anch’io: ero sicuro di loro. Non so darmi una spiegazione su quanto successo. Chissà, il calore. O la questione delle crocchette. Può darsi. Lo sanno soltanto loro cos’è accaduto e forse Dio, se ha visto, ma non credo».

«Ero a 500 metri da qua, da mia suocera, e sono rientrato di corsa. Il cane - continnua lo zio - non ha fatto resistenza, quando sono arrivato era tranquillo. Siccome la porta è un po’ dura da chiudere, la mamma ha ritardato quei tre secondi. Ma il cane aveva già fatto il malanno. Cosa sarà di lui? Anche se mi dicono che è tranquillo, sinceramente non voglio un assassino in casa».

La cugina di Astrid sta bene: la famiglia è in contatto con uno psicologo. L’altra cugina, con l’altra nonna, Armanda Ava, ieri mattina riferiva che la sorella era sconvolta, dopo quei momenti. Ha avuto paura vedendo Astrid che piangeva e il cane che la attaccava.

«A Cloe davi i comandi e obbediva, sempre», hanno aggiunto. Astrid, con la madre e la nonna, veniva a trovare le cugine ogni settimana: «Il cane giocava anche con lei, al guinzaglio. Chissà, un attacco di gelosia, pazzia. Quel cane non ha paura di niente, forse ha visto un movimento brusco».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Hawaii, l'incontro inaspettato è da brividi: fotografo si imbatte in uno squalo bianco mentre nuota

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi