In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

In Val Tramontina torna l'orso Leo e sbrana due pecore

Inglagna: l’animale ha aggredito il gregge l'altra mattina. Martedì notte aveva distrutto quattro arnie

2 minuti di lettura

TRAMONTI DI SOTTO. L’orso Leo è tornato. E pare trovarsi bene a Inglagna, tanto da aver deciso di restare: dopo le arnie distrutte lunedì notte nel centro della borgata della Val Tramontina, venerdì mattina il plantigrado ha lasciato altre tracce della sua presenza.

Leo è infatti entrato in un recinto con sei pecore e ne ha uccise due. Un agnello è rimasto ferito durante il raid ma non è in pericolo in vita e è stato ritrovato e medicato dal proprietario.

La scoperta dell’incursione notturna è avvenuta venerdì, quando il titolare dell’area ha rinvenuto la carcassa del primo animale all’esterno del sito. All’interno ha invece trovato il secondo ovino, che è stato abbattuto, ma non sbranato: probabilmente Leo è stato disturbato da qualcosa e ha lasciato a metà lo “spuntino”.

A nulla è valso il filo elettrico posto a difesa del gregge.

L’esemplare, un maschio adulto di circa tre anni e già noto nel territorio compreso tra la Valcellina e la Carnia, ha bellamente sradicato la recinzione, evitando la piccola scossa che avrebbe dovuto tenerlo lontano.

Solo tre giorni prima aveva fatto le spese della sua predilezione per Inglagna un apicoltore della piccola frazione montana: quattro arnie demolite, in una delle quali fa bella mostra di sé una inequivocabile zampata.

Nel corso della prima apparizione, il plantigrado ha preso di mira un campo situato sulla riva sinistra di un rio che scende direttamente dal bosco. Nelle vicinanze sorge l’ex scuola della frazione e poco più avanti il centro urbano.

La notte scorsa Leo è invece ricomparso dal greto del ruscello, ma si è spinto sulla riva opposta. La guardia forestale sta monitorando il percorso seguito dal capo, privo di radio collare e giunto qualche anno fa dal comprensorio dell’Adamello-Brenta.

Con Leo dovrebbe esserci anche un secondo maschio, ma per il momento non si hanno ancora notizie della sua effettiva presenza nell’Alto pordenonese.

Gli orsi sono infatti una specie che cammina moltissimo, percorrendo anche una cinquantina di chilometri a notte. In pochi giorni un esemplare adulto può partire dalla ex Jugoslavia e sconfinare in Trentino Alto Adige.

Solo l’altroieri un escursionista della provincia di Belluno si è imbattuto faccia a faccia con un orso femmina e ha rischiato la vita. Per questo la Forestale e gli etologi dispensano da settimane consigli basilari e quasi banali per scongiurare che qualcuno incontri Leo e capiti una tragedia.

Secondo gli esperti, in caso di un “avvistamento ravvicinato” bisogna evitare di irritare l’animale e di guardarlo negli occhi, lasciando che l’esemplare, schivo per natura, lasci autonomamente la zona.

Da evitare senza ombra di dubbio tentativi di ammansire o toccare l’orso o i suoi piccoli, magari per scattarsi un emozionante selfie come avvenuto l’anno scorso in Trentino.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori