In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

La festa sul Nonsel apre una nuova stagione per Pordenone

Le proteste del sabato mattina per il traffico sono state spazzate via dalle migliaia di persone che si sono succedute nei tre giorni e che, nonostante le incertezze del meteo, hanno fatto dell’evento un successo collettivo

di Martina Milia
2 minuti di lettura

PORDENONE. Migliaia di persone. Migliaia di persone conquistate da una ricetta semplice – quella della festa popolare – declinata in un ambiente naturale, il lungofiume, che ha allargato il cuore di Pordenone oltre le vetrine dei corsi, oltre le abitudini.

La festa sul Nonsel che si è chiusa ieri sera con il concerto e lo spettacolo di luci, apre una stagione nuova per Pordenone. E non solo in senso meteorologico. La festa regala una nuova estate alla città, quella di chi ha voglia di vivere in modo nuovo luoghi e momenti ripartendo dal fiume, il Noncello.

«Credo che dopo l’esperienza di quest’anno, più che di festa sul Nonsel dovremo parlare di festival del Noncello, una manifestazione da consolidare nei contenuti, con una formula – quella che ha portato alla chiusura della Rivierasca – che la città ha mostrato di condividere» sancisce il sindaco Claudio Pedrotti.

Le proteste del sabato mattina per il traffico sono state spazzate via dalle migliaia di persone che si sono succedute nei tre giorni e che, nonostante le incertezze del meteo, hanno fatto dell’evento un successo collettivo.

«Lo spettacolo delle fontane, ha richiamato migliaia di persone all’imbaracadero – commentava ieri mattina il presidente della Pro Pordenone, Giuseppe Pedicini, al lavoro di buon ora per dar corso alla festa –. Credo che aquest’anno l’imbarcadero sia stato consacrato come l’arena naturale in cui ospitare gli eventi della città». Un tema che naturalmente darà da dibattere agli organizzatori e alla politica.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) «Abbiamo in casa un tesoro Impariamo ad accorgercene»]]

Super soddisfatto il presidente della pro loco Gian Franco Tonus. «Ci sono stati tantissimi visitatori – evidenzia – anche dal Veneto: Treviso, Oderzo, Belluno, oltre che dal resto del Friuli. E ci hanno detto: finalmente una festa popolare a Pordenone». Ottimo il riscontro della promozione via web, affidata a Sei di Pordenone se. «Abbiamo avuto 40 mila visualizzazioni – spiega Alessandro Da Re –. Al di là di alcune questioni organizzative che sicuramente possono essere migliorate, la sperimentazione di quest’anno ha dato risultati di molto superiori alle attese. Tutti gli eventi organizzati nelle varie ore del giorno hanno fatto il tutto esaurito. Abbiamo dovuto ripeterli più volte».

Altro risultato importante secondo Da Re è il fatto che «tante associazioni hanno lavorato assieme, ciascuna con le proprie peculiarità e capacità, e questo è stato un banco di prova molto importante».

Un banco di prova per tutta la città «che si è riappropriata del suo fiume e che ha mostrato di avere voglia di ritrovarsi» sottolinea Da Re.

E a festeggiare nel fine settimana sono stati anche i residenti del centro che hanno mostrato insofferenza per gli eventi di grande richiamo – l’ultimo dei quali il mercato europeo – a orari non stop. La festa sul Nonsel è stato anche un test per i pordenonesi abituati a muoversi solo in auto. Al di là del disorientamento delle prime ore – ma solo da chi non era informato –, gli altri si sono adeguati. E a fronte di una città vivace e attraente hanno fatto volentieri anche qualche metro in più a piedi. Salute per il corpo e lo spirito.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori