Magredi, si muove la Commissione europea

Avviate le verifiche dell’organismo comunitario in seguito alla denuncia del Gruppo di mutuo soccorso di Cordenons

PORDENONE. La Commissione europea ha avviato le verifiche sulla situazione dei Magredi, all’interno del poligono militare Cellina Meduna. Lo fa sapere l’associazione ambientalista Gruppo di mutuo soccorso di Cordenons, che a giugno, assieme a Legambiente “Prealpi carniche” di Montereale Valcellina e altri cittadini in forma privata, aveva denunciato all’organo esecutivo dell’Unione europea lo stato di degrado dei Magredi.

Questo sarebbe causato, a loro dire, dalla presenza militare all’interno del poligono Cellina Meduna. I promotori dell’iniziativa hanno quindi chiesto che la stessa Commissione intervenga presso la Corte europea affinché avvii una procedura d’infrazione contro l’Italia e il Friuli Venezia Giulia, che non applicherebbero la normativa europea in vigore sulla tutela di tali aree protette.

Nei giorni scorsi ai promotori è arrivata la comunicazione da parte della stessa Commissione che li informa che la denuncia è stata presa in carico.

«Ciò significa – spiegano dal Mutuo Soccorso – che inizierà l’iter di verifica di quanto denunciato. È una bella notizia per i nostri Magredi. Ci aspettiamo ora la richiesta di allegare la documentazione a prova delle devastazioni ambientali. Spetterà poi – aggiungono – alla Commissione decidere se inoltrare alla Corte europea la denuncia».

Nei mesi scorsi il Gruppo ha fotografato e filmato lo stato dell’arte all’interno delle aree militari, che dimostrerebbe come tali attività addestrative hanno negli anni danneggiato prati stabili e vegetazioni tutelate dal punto di vista ambientale. La denuncia è partita nel momento in cui è in fase di studio tra la Regione e le stesse autorità militari il nuovo disciplinare d’uso del poligono.

«L’iter relativo alla denuncia – fanno intanto sapere – è lungo e nel frattempo promuoveremo una campagna massiva di adesione alla stessa». Il tutto assieme alle altre associazioni che si sono mobilitate.

«Il disciplinare d’uso del poligono Cellina Meduna – rilevano inoltre – a oggi è l’unico dei 9 a non essere ancora stato firmato: ciò significa che il lavoro del Mutuo soccorso sta avendo effetti positivi, indipendentemente dal fatto che venga firmato a breve o meno».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi