In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Pro Roveredo, i conti tornano a posto

Il presidente Pottino: bene la sagra del Gialut, puntiamo ad azzerare tutti i debiti. Le iniziative

1 minuto di lettura

ROVEREDO IN PIANO. Lo spettro dei conti in rosso è sempre più lontano dalla Pro Roveredo, pronta a tirare le somme dell’edizione appena conclusa della sagra del Gialut. Gli incassi di quest’anno dovrebbero essere in linea, o di poco inferiori, a quelli del 2014, o almeno questo è quello che il presidente Rinaldo Pottino e i suoi collaboratori si attendono una volta che i contabili avranno messo a punto il bilancio della manifestazione.

«La sagra è andata bene – è ottimista Pottino –, le presenze sono leggermente minori rispetto all’anno passato, ma è comprensibile vista la tendenza sempre maggiore al risparmio. Abbiamo raccolto commenti positivi, in particolare per la qualità del cibo, la rapidità del servizio e per il gradito ritorno della gara di briscola, assente da qualche tempo».

Anche il meteo è stato quasi sempre dalla parte dell’associazione, a differenza dell’anno precedente, quando un acquazzone aveva allagato parte dell’area festeggiamenti, rendendola inservibile e costringendo gli organizzatori a rinunciare all’orchestra, con conseguenze negative sugli incassi della serata.

Se tutto andrà come previsto, dunque, l’utile dell’edizione 2015 della sagra del Gialut dovrebbe aggirarsi sui 9 mila euro: è questa la cifra su cui puntano alla Pro loco. «L’auspicio è di eliminare i debiti – prosegue il presidente –, o perlomeno di andare vicino all’obiettivo». L’ha detto sin dall’inizio del suo mandato, Pottino, che non avrebbe mollato sin quando non sarebbe riuscito ad appianare le pendenze e ridare al sodalizio il ruolo per cui è nato, ovvero quello di promozione del paese e delle altre realtà associative roveredane. Così come aveva detto che si sarebbe fatto da parte qualora qualche giovane volenteroso avesse voluto subentrargli al timone della Pro loco.

«Prossimamente ci troveremo per fare il punto della situazione – mette le mani avanti –. Io resto disponibile, vediamo se si creano delle alternative». Il gruppo dei volontari è solido, e l'apporto dei più giovani è raddoppiato rispetto allo scorso anno, il che fa ben sperare per il futuro dell'associazione, che ha bisogno di tornare a pensare positivo per lasciarsi alle spalle le difficoltà del passato che ne hanno minato la sopravvivenza stessa. Gli impegni, dopo i festeggiamenti agostani, non sono terminati, ma anzi proseguono con le cene a base dei sapori della tradizione e la preparazione delle classiche iniziative legate al periodo natalizio.©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori