Piste ciclabili, «pago io i vigili poi il Comune mi rimborserà»

«In relazione alle ripetute segnalazioni di occupazione di questa pista ciclabile, qualora il problema del mancato controllo dipendesse dall’assenza di fondi per prestazioni straordinarie, mi impegno...

«In relazione alle ripetute segnalazioni di occupazione di questa pista ciclabile, qualora il problema del mancato controllo dipendesse dall’assenza di fondi per prestazioni straordinarie, mi impegno a erogare un contributo al Comune per far fronte a tale spesa. Detta somma potrebbe poi essermi restituita con le multe comminate». E’ questo il testo della comunicazione che Vanni Tissino, in qualità di genitore, ha inviato alla polizia municipale, all’assessore all’ambiente Nicola Conficoni, al segretario del Comune di Pordenone Primo Perosa.

Tissino, ex consigliere a Porcia e funzionario comunale nel capoluogo provinciale, da anni porta avanti la battaglia per una mobilità sostenibile e per un corretto utilizzo delle piste ciclabili. E così ora ha lanciato questa proposta-provocazione contro chi le scambia per un parcheggio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lattuga al forno con alici e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi