Il Giappone in foto tra sogno e realtà

Una mostra che parte da lontano, da quando il Comune di Pordenone e quello giapponese di Okawa si erano gemellati in un rapporto quasi esclusivamente industriale. Poi questra amicizia si è in qualche...

Una mostra che parte da lontano, da quando il Comune di Pordenone e quello giapponese di Okawa si erano gemellati in un rapporto quasi esclusivamente industriale. Poi questra amicizia si è in qualche modo sopita per rinvigorire recentemente. E’ in questo contesto che sarà inaugurata oggi, alle 18, nella galleria d’arte moderna e contemporanea Pizzinato la mostra “Yume”, con il patrocinio del consolato generale del Giappone e della Fondazione Italia Giappone. Una mostra fotografica composta da 90 immagini originali del diciannovesimo secolo divise in quattro filoni tematici dalla curatrice Magda Di Siena e tutte relative al concetto del sogno (yume, in giapponese, significa sogno): il sogno della figura femminile, un’esaltazione della bellezza spesso ammantata da un’aura magica e misteriosa, il sogno della figura maschile, con uomini emblematici come i samurai e la figura dell’imperatore Meij, il sogno dell’architettura e dell’abitare con templi, monumenti e abitazioni, e infine il sogno del paesaggio con suggestive vedute o semplici scorci in cui la natura si allaccia all’aspetto della divinità.

La maggior parte delle fotografie proviene dall’archivio della collezione Vittorio, che da oltre vent’anni raccoglie fotografie originali seguendo il percorso tracciato dai fotografi del XIX secolo durante i loro viaggi in Oriente, in gran parte del fotografo Felice Beato. Le immagini sono realizzate con una particolare tecnica di colorazione a mano che fornisce alle fotografie un aspetto del tutto originale. «Non è il primo evento che lega la città al Giappone – ha rilevato il sindaco Claudio Pedrottti –. Non dimentichiamo il mondiale di judo kata che abbiamo recentemente ospitato». L’assessore Claudio Cattaruzza ha sottolineato l’importanza e il fascino di una mostra sul Giappone, un Paese che ancora oggi è avvolto da un’aurea di mistero. A breve, la galleria Pizzinato ospiterà pure una mostra grafica sulla stamperia Albicocco: il biglietto d’ingresso garantirà l’accesso a entrambe le esposizioni.(l.v.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Zuppa fredda di barbabietola, arancia e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi