In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

L’antiquariato non perde il fascino

Buon avvio per la mostra-mercato del settore aperta sino a domenica in Fiera

1 minuto di lettura

Si è chiuso con un bilancio positivo il primo weekend di Pordenone Antiquaria, mostra-mercato nazionale di antiquariato che si concluderà domenica 24 gennaio alla Fiera di Pordenone. La manifestazione sarà ancora aperta dalle 15 alle 20 sino a venerdì e dalle 10 alle 20 sabato e domenica. Sono circa 70 gli antiquari e i mercanti d’arte presenti, provenienti non soltanto da tutta Italia, ma anche da Inghilterra e Spagna, per offrire al pubblico della Fiera, nei padiglioni 8 e 9, il meglio delle loro collezioni di mobili, anche per esterni, argenterie, marmi, statue lignee, dipinti, arte sacra, porcellane, tappeti orientali, arazzi, maioliche, diamanti, gioielli e tanto altro ancora.

Pordenone Antiquaria è un’occasione per arricchire la casa con pezzi di valore rappresentativi di periodi della storia dell’arte dal 1500 al 1800 o con oggetti di modernariato tipico del ’900. L’appuntamento è atteso soprattutto da chi cerca un acquisto garantito e che rappresenti anche un investimento sicuro per il proprio patrimonio. Gli oggetti di antiquariato possono ancora essere considerati un bene rifugio? A questa domanda risponde Franco Arnaudo, curatore del salone: «Sì, per molti versi, soprattutto se la scelta degli oggetti d’arte è compiuta in maniera oculata, la rivalutazione può arrivare al 5 per cento annuo. Il settore al momento è a due velocità sul fronte dei prezzi: è in diminuzione il valore delle opere “medie”, con prezzo sino a 50 mila euro, mentre sta salendo quello delle opere “importanti”, oltre i 50 mila. Al momento ci sono tipologie di antiquariato che non risentono quasi per niente del momento critico e della situazione congiunturale complessiva. Per esempio, mantiene un forte mercato e resta una forma di investimento importante la cosiddetta “alta epoca”, ovvero tutto ciò che è veramente antico (dal ’400 al ’700). In Fiera, per esempio, è presente un tappeto della dinastia Mogol indiana del 1500, opera rara sul mercato internazionale valutata intorno agli 80 mila euro. Molto quotati anche i lavori dei pittori minori dal ’700 al ’900 come il prezioso quadro di Antonio Balestra in mostra nei nostri stand e valutato intorno ai 60 mila. E tra i beni più preziosi che non subiscono svalutazioni ci sono anche i mobili italiani del ’700 come il comò laccato mosso, prezzo intorno ai 60 mila». Come da tradizione, Pordenone Antiquaria affianca alle proposte commerciali anche una mostra di interesse artistico, culturale e storico dal titolo “Galleria Thais: antichi tesori dai monasteri tibetani”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori