In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Magredi, il Tar dà ragione ai proprietari agricoli

Spilimbergo. La Regione condannata a rieditare il procedimento amministrativo. In quella sede si potrà discutere delle indennità compensatorie sui siti Sic

1 minuto di lettura

SPILIMBERGO. I proprietari agricoli dei Magredi vincono – parzialmente – al Tar dopo tredici anni la battaglia dei Sic, siti di importanza comunitaria. Il tribunale amministrativo regionale ha dato ragione ai diciotto proprietari o conduttori di terreni agricoli che sono ricaduti all’interno Sic e all’associazione di categoria Uomo, Natura ed Energia, ritenendo fondato il ricorso per quanto attiene alla domanda di annullamento della deliberazione della giunta regionale numero 546/2013.

L’ente regionale è stato condannato a rifondere ai ricorrenti le spese di giudizio (liquidate in 1.500 euro)

Ora la Regione dovrà rifare l’iter che ha portato alla delibera con la quale sono state approvate le misure di conservazione dei siti di interesse comunitario, ma solo a partire dalla fase in cui è stata rilevata l’illegittimità.

La violazione del principio partecipativo si è verificata, secondo il Tar, quando sono state approvate le misure di conservazione. In quella sede le osservazioni presentate dai portatori di interesse sono state raccolte in un foglio excel anonimo, che non reca alcuna sottoscrizione e non è entrato a fare parte integrante della deliberazione giuntale.

Fatto che, secondo il Tar, viola il canone di trasparenza amministrativa. Sotto questo specifico profilo, il ricorso viene accolto e la Regione «è tenuta a rieditare il procedimento amministrativo».

Il Tar non può pronunciarsi, pertanto, sugli ulteriori motivi di impugnazione proposti dai ricorrenti come la mancata previsione, all’interno delle misure di conservazione, di indennità compensative per i proprietari interessati dai vincoli imposti dal Sic o il difetto di istruttoria sulla determinazione dei terreni coltivati incisi dalle misure o sull’individuazione dei vincoli per ciascun terreno. Tutte questioni che, come precisa il Tribunale, «potranno essere affrontate in sede di esame delle osservazioni presentate dai portatori di interesse».

«Dal lontano 2002 – ricorda Erminio Barna, portavoce dei proprietari dei terreni – abbiamo chiesto alla Regione di essere ascoltati. Avremmo voluto essere coinvolti, come portatori di interesse, sin dall’inizio: dopo l’imposizione dei vincoli le nostre proprietà fondiarie hanno subito un deprezzamento significativo e ci siamo accollati pesanti vincoli senza ottenere alcun risarcimento per i danni economici subiti. Ora questa sentenza ci dà finalmente soddisfazione. Intendiamo sottoporre il caso anche all’Unione europea».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori