Furto di trasmettitori al Gaiardin, radio ridotte al silenzio

Caneva, la porta in ferro aperta con uno smerigliatore. Altri radi ladreschi in abitazioni di Prata

CANEVA. I carabinieri della stazione di Caneva, assieme a personale della ditta Aesse di Zelarino (Venezia), hanno effettuato un sopralluogo nella località montana del Gaiardin, in comune di Caneva, nella casetta che ospita il locale ripetitore radio.

E' stato accertato che ieri ignoti, praticando un foro mediante l'impiego di una smerigliatrice, avevano aperto la porta in ferro dell'immobile appropriandosi di  un ricevitore banda 2300 mhz di radio R101,  due trasmettitori banda 2300-2400 mhz di Radio Birichina, due trasmettitori banda 2400 mhz di Radio Sorriso,  un trasmettitore f.m. di Radio RtlL. In seguito al furto le trasmissioni delle emittenti radio interessate si sono interrotte nei territori serviti dal ripetitore preso di mira dai ladri.

Intanto i carabinieri di Prata e del Radiomobile di Sacile sono invece intervenuti in via Baratti e in via Vittorio Emanuele II, nella cittadina della zona del mobile, per alcuni furti. Nottetempo, ignoti, approfittando del sonno degli occupanti e praticando un foro negli infissi mediante l'impiego di un trapano a mano, sono entrati in quattro abitazioni asportando complessivamente alcune centinaia di euro, monili in oro, un iPad e occhiali da sole.

 

Video del giorno

Propaganda Live, i silenzi di Matteo Salvini secondo Alessio Marzili

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi