In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

M5S attacca: chi sapeva si dimetta

Il caso dell'acqua "malata" nel Pordenonese. Zullo e Stefanoni: la Regione e il Comune stanzino fondi per risolvere i problemi

1 minuto di lettura

PORDENONE. «Tutti sapevano, ma tutti sono stati zitti: non si gioca sulla salute dei cittadini, non si ignorano i più basilari principi di trasparenza, che dovrebbero stare alla base dell’azione politica di ogni ordine e grado».

A scandirlo il Movimento 5 stelle che chiede, a chi sapeva, di dimettersi. «Come potranno ora i pordenonesi fidarsi di quel che bevono? Dov’è stato finora il Comune di Pordenone? E il vicepresidente della Regione, pordenonese anch’esso, Sergio Bolzonello? E l’assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca?» rilanciano i pentastellati.

Marco Zullo, europarlamentare del Movimento Cinque Stelle, e Samuele Stefanoni, capogruppo pentastellato in consiglio comunale a Pordenone, intervengono sul caso, taciuto per più di un anno, dell’inquinamento dell’acqua dell’acquedotto di Pordenone emerso dopo la convocazione della Quarta commissione consigliare regionale che ha trattato l’argomento.

«Il tema dell’acqua pubblica è uno degli elementi cardine del movimento – spiega Stefanoni – e del nostro progetto politico per Pordenone. Noi siamo per incentivare l’uso dell’acqua pubblica, ma partendo dal presupposto, oggi disatteso, che sia innanzitutto sana».

«E’ sconvolgente la mancanza di trasparenza delle istituzioni – sostiene Marco Zullo – che non hanno dato comunicazione della reale situazione delle nostre acque, e della lentezza con cui stanno affrontando un problema gravissimo che si trascina dal 21 luglio 2015».

A ottobre, quasi un anno fa, si è costituito il gruppo tecnico per la tutela salute rischi ambientali il quale ha evidenziato delle criticità: è questo organismo che deve assicurare se l’acqua fa bene o male, ricordano i pentastellati.

«Gli interventi da mettere in atto sono non banali – ribadiscono gli esponenti Cinque Stelle –: bisogna agire subito e la Regione deve immediatamente stanziare dei fondi per un progetto di risanamento. In questa situazione, anche il Comune, socio di maggioranza di Hydrogea deve fare la sua parte e non considerare la società idrica soltanto come un parcheggio di poltrone per i propri amici».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori