In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Messa per l'inizio della scuola: tanti no e qualche apertura

Pordenone. Tra chi prende le distanze dall’iniziativa di Ciriani e Basso c’è il sindacato Flc Cgil. Il dirigente emerito Chiarotto: «La proposta non doveva arrivare da loro»

1 minuto di lettura

PORDENONE. «Carissimi sindaco Alessandro Ciriani e consigliere delegato all’istruzione Alessandro Basso, grazie per l'invito a messa, ma noi non ci saremo». Lo strappo, ieri a Pordenone, è stato quello del sindacato Flc Cgil.

«La scuola – il leader sindacale Mario Bellomo ha preso le distanze dai riti religiosi – è pubblica e laica». Risolto il problema? Sino a un certo punto: la pattuglia “No messa” ha alzato la voce e il contraltare è stato quello dei possibilisti. Tutti alla conta nella chiesa del Sacro Cuore, venerdì alle 18.

I possibilisti. «Prender messa non fa male a nessuno: la proposta però doveva arrivare dagli insegnanti di religione oppure dal vescovo monsignore Giuseppe Pellegrini».

Sergio Chiarotto, dirigente emerito, nel 2010 aveva risolto così il problema con la messa ecumenica nel liceo Leopardi-Majorana a San Giorgio.

«Spero che il sindaco Ciriani e il delegato Basso, che hanno invece organizzato la messa, si ricordino dei profughi e degli immigrati – è l’auspicio di Chiarotto –. La scuola accoglie e integra: lo dicevano don Milani, padre David Maria Turoldo e lo dice Papa Francesco».

I negazionisti. Libera Chiesa in libero Stato: tutti d’accordo. «E’ sbagliato che una pubblica amministrazione inviti la cittadinanza al rito di una particolare religione – la pensa così Luciano Bellomo, vertice Uaar –. L’Unione degli atei, agnostici e razionalisti boccia questa iniziativa».

Michele Negro di Rifondazione comunista non ha dubbi: «E’ una chiara manifestazione propagandistica giocata sul piano mediatico per dimostrare che, come hanno commentato alcuni, “si valorizzano le radici cristiane”. Ma la scuola, quella pubblica e di tutti, ha bisogno di radici oppure di risorse?».

Niente messa. «Gli studenti islamici non hanno questo tipo di tradizione e non vanno a messa», ha tagliato corto sulle scelte Ahmad Butt che, nella moschea in Comina, prega il Corano ogni venerdì con circa 300 fratelli musulmani.

«La scuola è una cosa e la fede è un’altra – ha separato ragione e fede il pakistano immigrato a Pordenone –. Ogni popolo ha le sue tradizioni da rispettare e la nostra comunità prega il Corano».

La scuola è doppia per i ragazzi islamici: quella statale italiana sei giorni su sei e quella in arabo ogni domenica nel Centro culturale islamico.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori