Il promo che fa discutere: la “strega” vegana convertita alla carne - Il Video

Valvasone, il video realizzato dai titolari di una macelleria e postato su Facebook: «Nessuna intenzione di offendere, soltanto ironia». Ma c'è chi non apprezza: «Quel filmato non rispetta la donna»

VALVASONE ARZENE. Arriva da Valvasone Arzene un nuovo capitolo nella battaglia tra carnivori da una parte e vegani dall’altra: a firmarlo i due titolari de La Becjarie (macelleria in lingua friulana) che sulla propria pagina Facebook hanno postato un video d’ambientazione medievale con loro stessi protagonisti, in cui una “strega” vegana viene convertita con bocconi di bistecca al consumo della carne.

Immediata la condanna della controparte, come anche il successo virale sul social network, con oltre 200 like, 390 condivisioni e 12 mila visualizzazioni soltanto nella giornata di ieri, numeri destinati a salire.

I primi a esserne stupiti sono gli stessi creatori, Daniele Comuzzi di Bertiolo e Raffaele Cesarini di Castions di Strada, macellai per tradizione familiare, che hanno aperto la propria bottega nel borgo quattro anni fa in via Regina Margherita, dove c’era prima un’altra macelleria.

«Avevamo già postato video in passato – spiega Comuzzi – che erano molto piaciuti, ma questo li ha battuti tutti. Nascono dall’oggi al domani per un’intuizione che abbiamo mentre siamo al bancone, dove accogliamo tutti i clienti con il sorriso. Per esempio, questo è scaturito da mia nipote che ha chiesto di preparare qualcosa da gustare ad Halloween».

Da qui la nascita della bistecca nera, ricetta segreta che i due non vogliono svelare e che viene promossa nel video, al quale hanno contribuito i fratelli Tommaso e Giacomo Urban, creativi di Spilimbergo, curatori delle riprese.

«Non temiamo – spiegano i fratelli – che la storia oscuri il prodotto, perché lavorando carni di qualità alla Becjarie hanno un’identità forte che può soltanto venire rafforzata da un filmato ironico come questo». Ed ecco quindi, grazie ad amici arruolati come attori e comparse, l’allestimento di un processo dell’Età di mezzo nel cortile dietro la macelleria.

«Abbiamo effettuato le riprese sino alle 3 di notte – ricorda Cesarini – con i vicini che, rimasti svegli, ci hanno chiesto alla fine sorridendo di dare loro le bistecche avanzate per un assaggio». Nel filmato una donna accusata di stregoneria dice che ci si può nutrire anche soltanto di erbe, bacche e ceci. Gli inquisitori invitano i due macellai a “salvarla”: costretta ad assaggiare la bistecca, la donna chiede alla fine di mangiarne ancora. Comuzzi e Cesarini concludono dicendo «anche oggi un’altra anima è stata salvata».

Il confronto con i vegani non preoccupa i due. «Non c’è nessuna intenzione di offendere – concludono –, è tutto realizzato in modo simpatico. Anzi, un cliente vegetariano che faceva la spesa per la famiglia ci ha fatto i complimenti».

I contrari: «Quel filmato non rispetta la donna». «Brutto e non rispettoso della donna»: ancora prima che per difendere le proprie convinzioni alimentari, dal mondo vegano arriva la disapprovazione del video della macelleria di Valvasone Arzene per come racconta l’universo femminile.

«Da condannare su tutta la linea – commenta Alessandro Sperotto, responsabile regionale della Lega per l’abolizione della caccia per il Friuli Venezia Giulia –: in un’epoca in cui finalmente si rivede la posizione su quelle che erano definite “streghe”, ma che in verità erano soltanto donne per lo più innocenti condannate a morte dagli uomini perché non inquadrate nella morale comune, ecco un video che fa rivivere quegli oscuri momenti per riderci sopra, senza però riuscirci.

Il tutto riproponendo immagini sessiste di una donna costretta con la forza da un gruppo di uomini a fare qualcosa contro la sua volontà». Nemmeno la chiave di registro comica, secondo Sperotto, salva il filmato.

«Per carità – aggiunge –, quando la satira è fatta con intelligenza, per esempio da un Crozza, anche noi vegani sorridiamo pur essendo presi in giro. Ma qui francamente è un prodotto brutto, vorrei proprio sapere cosa ne pensano al riguardo le donne».

Da qui l’invito ai titolari de La Becjarie. «Tolgano il filmato – chiosa Sperotto –: forse loro pensano che va bene purché se ne parli, ma non è così. Magari l’hanno fatto con leggerezza senza pensarci troppo, eliminandolo possono recuperare. Come macellai vivono grazie a un’attività legata alla morte e sofferenza degli animali, mentre tutte le donne, e le vegane ancor di più, sono simbolo della vita».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi