In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Elezione di Trump, ad Aviano oltre 700 civili italiani col fiato sospeso

I dipendenti legati alle decisioni d’oltre Oceano. Non è la prima volta che la permanenza della struttura miliare è a rischio

3 minuti di lettura

AVIANO. Fu un mese di paura, agosto 1993. Il Pentagono aveva messo Aviano nella lista delle basi da chiudere. Tre mesi dopo, invece, siglava il nuovo accordo tra Italia e Usa per l’ampliamento. A “salvare” Aviano furono due vicende separate, che si incrociarono al momento giusto: la crisi in Bosnia e la chiusura della base di Torrejon, in Spagna, col trasferimento permanente nella pedemontana di due squadroni di F-16.

Gli americani, per la verità, avevano messo gli occhi su Crotone, più vicina a Medio Oriente e Africa del nord. Ma a fare la differenza furono i soldi. Scartata l’ipotesi calabrese, furono valutate Brindisi e Gioia del Colle: troppo piccole. Ecco, allora, il “ripiego” che si rivelò strategico, nello scacchiere europeo. I soldati stelle e strisce, allora, erano 213 mila, di qua dell’Oceano (67 mila nel 2015).

Luglio 2016, un venerdì notte fallisce il colpo di stato in Turchia. La base di Incirlik, utilizzata dagli americani anche come deposito di testate nucleari, viene bloccata, il comandante (turco) fermato. In quindici giorni gli Usa smobilitano e se ne vanno. Tutti.

Paolo Tarchi fu per 25 anni responsabile delle pubbliche relazioni della Base pordenonese. Nel libro “Aviano-Usa” (edizioni Omino Rosso), nel 2007 spiegava: «Ho visto cambiamenti improvvisi e inattesi. Gli americani dicono: finché c’è consenso restiamo. Altrimenti ce ne andiamo. Ma il futuro è nelle mani del presidente degli Stati Uniti». Profetico.

Tutti i governi europei si chiedono che cosa farà Donald Trump con la Nato – dove solo cinque Paesi (e non l’Italia) investono più del 2 per cento del pil in spese per la difesa mentre gli Usa contribuiscono con il 75 per cento dell’intera spesa dell’Alleanza atlantica – e com le basi americane in Europa. Il neopresidente in campagna elettorale è andato sostenendo che le Basi in Europa vanno smantellate, perché costituiscono un pesante centro di spesa pubblica.

A breve termine i dipendenti italiani, 726, non hanno nulla da temere, tanto che sarà, paradossalmente, completata la «riorganizzazione» interna che prevede un incremento numerico con l’arrivo degli elicotteri dalla Gran Bretagna. Non finirà come a Incirlik, insomma: gli Usa non se ne andranno in 15 giorni, quantomeno perché vi sono accordi bilaterali da rispettare. Nel medio-lungo termine, però, la decisione è nelle mani del nuovo presidente degli Stati Uniti.

Occorre interpretarle, le parole di Trump, viene fatto notare. «Ha parlato di Nato, Aviano è base Usa». Il cui ampliamento è stato realizzato con fondi Nato, sebbene l’Alleanza atlantica non ci metta un euro, nella gestione della struttura. «Troppo presto per fasciarsi la testa – si dice ancora tra i dipendenti italiani – caso mani i problemi potrebbero esserci con eventuali riorganizzazioni». Quella del 2014 comportò 43 licenziamenti, che vennero assorbiti da altri settori. In caso di “Aviano, addio”, invece, sarebbe un colpo al pari della chiusura di una grande azienda: centinaia di persone licenziate e un’area grande come un paese, perlopiù militare, da bonificare e riconvertire. Una legge degli anni Settanta impone l’assunzione degli “esodati” italiani assunti sino al 1989 negli uffici pubblici, ma deve essere finanziata ogni anno. Per il 2016, per esempio, la copertura non c’è ancora.

È possibile che Aviano torni alla situazione ante 1993? Non è escluso, ovvero base logistica, priva di squadroni stabili.

Che ne potrebbe essere, dunque, di Aviano post Usa? Le ipotesi, nel corso degli anni, si sono sprecate. Una riconversione in aeroporto militare italiano viene dato per escluso, mentre sarebbe certo l’addio, caso mai, del personale Ami: Istrana è a due passi, come Rivolto. Scartata pure l’ipotesi di conversione in aeroporto civile: Ronchi fatica di suo a est, il polo Venezia-Treviso a ovest con Verona, non lasciano spazi di manovra.

Ancor meno probabile la cessione dell’area demaniale (appartiene allo Stato italiano) all’aeroclub per ultraleggeri. E dunque? «Quella Base – dice Tiziano Tissino, “storico” pacifista che nel 2008 portò sino in Cassazione, invano, il ricorso perché la Base traslocasse, invocando il rischio per l’incolumità delle persone – poteva essere un centro di pronto intervento della protezione civile in caso di calamità naturali.

Oppure un campus universitario, dotato di migliaia di alloggi, aule, zone studio, infrastrutture come strade e negozi a due passi dal Cro. Il problema – ricorda le “campagne pacifiste” Tissino – non è trovare qualcosa d’altro da metterci, al posto della Base, perché si trova sicuramente, magari reimpiegando anche il personale civile. C’è da chiedersi, invece, perché Aviano non abbia mai investito su altro: si è “ingrassata” per anni, con gli americani, a scapito ad esempio dell’artigianato e della piccola industria».

Se gli americani decideranno di andarsene, temono i lavoratori, nessuno li potrà fermare. E, da un giorno all’altro, si trovano a a fare i conti con la precarietà.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori