Figlio con un problema cardiaco, militare ricorre al Tar

Il padre, di stanza a Pordenone, chiese di potere essere trasferito dalla moglie e dal figlio in Sicilia

Al piccolo appena nato viene diagnosticato un soffio al cuore e il padre, militare di stanza in provincia di Pordenone, chiede l’assegnazione temporanea in Sicilia per poter stare vicino alla moglie e al figlioletto ai sensi del 42 bis del decreto legislativo 51 del 2001.

I presupposti per l’applicazione del 42 bis ci sono: la moglie ha un contratto a tempo indeterminato in Sicilia e il bimbo ha meno di tre anni. Il ministero della difesa, però, rigetta la richiesta.

Di fronte al diniego, il padre, assistito dallo studio legale di Luca Donadon, decide di ricorrere al Tribunale amministrativo regionale. Il Tar accoglie l’istanza cautelare: intanto il militare può trasferirsi in Sicilia. Il ministero della Difesa, però, non adempie all’istanza cautelare.

L’avvocato Donadon insiste: almeno sia concesso il trasferimento al militare per gravissimi motivi familiari (che però consente una permanenza di 90 più 90 giorni, inferiore all’assegnazione temporanea, che prevede invece un periodo di 3 anni).

Nel frattempo si arriva alla discussione del caso dinanzi al Tar del Friuli Venezia Giulia, l’11 gennaio. Il ministero della Difesa ribatte di aver già provveduto al trasferimento del militare per i gravissimi motivi familiari.

Pertanto il Tar dichiara improcedibile il ricorso, per sopravvenuta cessazione della materia del contendere. La sentenza è stata pubblicata il 10 febbraio. Le spese, però, sono state compensate fra le parti.

L’interesse del ricorso, ad avviso del collegio dei giudici, si sposta ora sul nuovo provvedimento del ministero del 9 settembre del 2016. Ora spetterà al militare decidere se ricorrere in appello contro la sentenza.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Omicidio a Foggia, quattro colpi di fucile e la vittima non ha scampo: in 10 secondi il killer uccide e scappa

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi