In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Terrorismo, pordenonese studia tecnologie per stanare gli attentatori

Protagonista la trentenne Sabrina Magris: suo anche il progetto degli occhi elettronici che leggono le frequenze cerebrali

2 minuti di lettura

PORDENONE. Quando talento, competenza e passione si fondono, i risultati non possono che essere di assoluto rilievo. È il caso di Sabrina Magris, trentenne di Pordenone studiosa di psicologia e antiterrorismo.

Agli onori delle cronache per lo studio che contrasta la cosiddetta droga dello stupro, Magris in realtà è impegnata anche nello studio di tecnologie e materiali, per stanare i terroristi.

A breve verranno installate in un aeroporto canadese e in uno del Nord Italia delle particolari telecamere, che presentano aspetti assolutamente innovativi: occhi elettronici capaci di leggere le frequenze cerebrali dei viaggiatori in attesa.

Questo consentirà, attraverso l'analisi degli impulsi, di individuare possibili terroristi o persone in possesso di sostanze stupefacenti.

«E’ una novità assoluta, che potrebbe risultare determinante in un periodo storico come quello attuale», sottolinea la ricercatrice pordenonese.

Magris, inoltre, negli anni scorsi ha realizzato uno studio finalizzato a porre in correlazione colore e materiale di un’arma con la possibilità di eludere i controlli al metal detector e attraverso altri sistemi.

Un lavoro tornato d’attualità con l’ultimo attentato di matrice islamica che si è registrato a Londra, dove gli jihadisti hanno utilizzato coltelli col manico in ceramica e di colore viola: una combinazione capace di sfuggire ai controlli.

Due anni fa, Magris aveva realizzato una serie di studi sul tema grazie alla collaborazione di una banca situata nel centro della città: l’istituto di credito, appreso l’esito del lavoro della ricercatrice, aveva disposto una serie ci cambiamenti dei sistemi di sicurezza.

Magris, insomma, tiene alto nel mondo il nome di Pordenone, ma, nonostante i tanti, brillanti risultati conseguiti, ha ancora un sogno da realizzare.

«Mi piacerebbe che le materie di cui mi occupo da anni divenissero oggetto di studio all’università, magari anche a Pordenone – evidenzia la ricercatrice –. Il momento storico attuale, a mio giudizio, dovrebbe spingere il mondo accademico italiano a introdurre in determinati percorsi di studio queste materie.

Abbiamo già avviato un progetto in tal senso, vedremo che esito produrrà». Nei giorni scorsi, dopo i fatti di piazza San Carlo a Torino, il ministro dell’Interno Minniti e il capo della Polizia Gabrielli hanno evidenziato che per la sicurezza delle città devono essere addestrati polizia locale e Protezione civile.

«Questa idea nasce da un progetto realizzato da me e dalla mia struttura per Roma Capitale nei mesi precedenti il Giubileo del 2015, quando Gabrielli era prefetto di Roma – conclude Magris –. Su mio progetto, la mia struttura formò polizia locale di Roma Capitale, Protezione civile, i tassisti di Roma e la sicurezza di Atac (trasporti) per supporto antiterrorismo, legando il tutto al numero unico 112 del Lazio».

Magris, come detto, è stata premiata a Orlando, negli Usa, alla conferenza mondiale degli esperti nella lotta alla cosiddetta droga dello stupro (sostanza che stordisce la vittima non consentendole di ricordare quanto accaduto).

La ricerca realizzata dal team dell’Ecole Universitarie Internationale è l’unico studio europeo tra i quindici selezionati, a fronte di migliaia di piani di lavoro presentati.

Il gruppo di lavoro, formato da Magris e da altre quattro studiose italiane, è impegnato da un anno nella definizione di un sistema capace di integrare l’aspetto medico con quello investigativo.

«L’aggregazione di questi due elementi – spiega la studiosa – può essere determinante nel risalire a chi ha fatto assumere questo tipo di sostanza alla vittima: attuando fattori d’indagine fin dal ricovero in ospedale, infatti, si hanno più possibilità di individuare l’autore della violenza».

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I commenti dei lettori