In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Ricovero per i senzatetto a Pordenone, prefetto mette a confronto Comune e Cri

Convocato per martedì un incontro per ripianare la contrapposizione sul ricovero. La rappresentante del governo ha ricevuto sindaco e assessore Loperfido

2 minuti di lettura

PORDENONE. Comune e Croce rossa a confronto per trovare una soluzione nella contrapposizione che si è venuta a creare per la realizzazione di un dormitorio-refettorio, da parte della Cri, in via Rotate. A fare da mediatrice sarà il prefetto Maria Rosaria Laganà. Le parti sono state convocate per martedì, alle 15, in Prefettura. È quanto emerso ieri nel vertice tra prefetto, sindaco di Pordenone, Alessandro Ciriani, assessore alla sicurezza Emanuele Loperfido e comandante della polizia municipale Stefano Rossi.

«Ho ribadito al prefetto la mia totale contrarietà ad aprire il dormitorio Cri a Pordenone che calamiterà altri arrivi – ha affermato Ciriani, all’uscita dall’incontro –. Non ho il potere di bloccare la Croce rossa, ma chiederemo che faccia un passo indietro. Lo aprano altrove secondo i principi dell’accoglienza diffusa, definita dal governo, non da me.

Magari in quei Comuni che professano l’accoglienza e poi chiudono le porte in faccia ai profughi. Se lo vogliono aprire nel capoluogo significa che si tratta di un gioco politico, non per aiutare i richiedenti asilo, ma per mettere in difficoltà Pordenone e l’amministrazione comunale. I rapporti tra Comune e Croce rossa, a quel punto, si irrigidirebbero».

Da parte sua, la Croce rossa ha sempre ribadito l’importanza di realizzare una struttura del genere proprio in città perché è il luogo in cui sono presenti gli enti cui i migranti fanno riferimento, dalla Questura all’hub, e collocarli altrove non risolverebbe il problema della loro presenza in città. Il presidente Cri comunque afferma che «la disponibilità è sempre stata data.

È importante ricordare però – ha proseguito Giovanni Antonaglia – che c’è la necessità di fare qualcosa, non si può andare avanti in questo modo. Questo sarà un servizio per la comunità: bisogna trovare una soluzione per queste persone che girano per Pordenone senza un luogo dove stare, senza una meta».

L’incontro in Prefettura è servito anche per fare il punto della situazione sul piano di sicurezza del Comune. «Vogliamo sia ben chiaro ai nostri concittadini che il Comune sta facendo tutti gli sforzi possibili per tutelare la propria città, mettendo soldi, pattuglie, controlli e uomini della polizia municipale – affermano Ciriani e Loperfido –. Ma è chiaro che agiamo nei limiti delle nostre competenze. Sicurezza e ordine pubblico rimangono prerogative delle forze dell’ordine cui chiediamo un ulteriore sforzo, uno sforzo corale da parte di tutti».

L’amministrazione sta sbloccando 48 mila euro aggiuntivi per aumentare gli orari di servizio e i pattugliamenti in auto e a piedi della municipale, sia durante la settimana sia nei weekend. Inoltre, su impulso di Loperfido, è stato aperto il bando per arruolare due agenti in più che dovrebbero entrare in servizio a settembre. Non soltanto. «Ricorreremo maggiormente anche alla vigilanza privata per aumentare gli “occhi” sulla città», ha aggiunto Ciriani. «Pordenone non è una città abituata a vedere gente che si picchia per strada, persone che si rincorrono sui tavolini di bar e ristoranti in piazza o spacciatori nei giardinetti: tutto ciò non fa parte delle consuetudini della città – ha affermato Ciriani –. Se vedete risse, situazioni sospette e casi simili chiamate sempre il 112, il numero unico per qualsiasi emergenza».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori