In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Record di interventi: +17% È stato l’anno dei fortunali

Un 2017 segnato dal superlavoro per i danni causati dalle ondate di maltempo Il comandante provinciale Minisini rilancia l’allarme organico: «Siamo in pochi»

di Piero Tallandini
2 minuti di lettura
Numero di interventi aumentato del 17 per cento, tanto da sfiorare quota 5 mila. Uno sforzo operativo reso ancora più gravoso dal problema dell’insufficienza numerica dell’organico, con un sottodimensionamento del 20 per cento, tanto da dover ricorrere più volte ai doppi turni per far fronte alle situazioni di emergenza.

Ecco i numeri che inquadrano il bilancio 2017 dei vigili del fuoco nel territorio di competenza del Comando provinciale di Pordenone e dei vari distaccamenti, ovvero Maniago, Sacile, San Vito e Spilimbergo. Un attività sempre più intensa, dunque, per i vigili del fuoco della Destra Tagliamento che domani mattina si apprestano a celebrare, come da tradizione, la patrona del Corpo, Santa Barbara. Cerimonia che offre anche l’occasione per tracciare un bilancio dell’attività.

«Quest’anno è aumentato in misura considerevole il numero degli interventi – spiega il comandante provinciale Doriano Minisini –. Abbiamo calcolato una crescita pari al 17 per cento. Un aumento legato ai danni causati dalle diverse ondate di maltempo che hanno caratterizzato il periodo estivo, in particolare i fortunali di agosto. Gli interventi in più, da un anno all’altro, sono stati almeno 700. Siamo dunque stati chiamati a uno sforzo ulteriore nonostante la scarsità di personale, che è inferiore del 20 per cento rispetto al pieno organico. Si è quindi più volte reso necessario il ricorso al doppio turno e per supportare l’impegno delle nostro squadre è stato fondamentale l’aiuto dei volontari. Altrettanto importante è il fatto di poter contare anche sulla sede di Sacile». «L’auspicio – aggiunge il comandante – è ovviamente che si possa contare sull’assegnazione di nuove risorse per l’organico. Negli ultimi anni abbiamo avuto delle assegnazioni ma da fuori regione, senza un ricambio stabile. C’è anche il problema dell’età media, che è in aumento. Per il tipo di lavoro che siamo chiamati a svolgere la piena forma fisica è fondamentale ed è chiaro che chi ha superato i 50 anni non è più in grado di garantirla».

Il 2017 per i vigili del fuoco è stato dunque l’anno dei fortunali, senza dimenticare il maxi-incendio allo stabilimento Roncadin di Meduno, il 22 settembre. «Per noi è motivo di soddisfazione essere riusciti, con il nostro intervento di spegnimento, a limitare i danni di un incendio che altrimenti avrebbe potuto distruggere buona parte delle linee produttive – sottolinea Minisini –. Tra l’altro già in fase di progettazione dello stabilimento avevamo dato delle prescrizioni che sono state seguite e che hanno limitato il propagarsi delle fiamme. Così l’azienda ha potuto subito ripartire».

La celebrazione di Santa Barbara assumerà una valenza particolare per il distaccamento di Maniago, che festeggia il 70esimo anniversario. I vigili del fuoco del presidio pedemontano sono stati impegnati in quasi 600 interventi di soccorso tecnico urgente. Il distaccamento ha un territorio di competenza geograficamente vario e molto esteso, che va dai territori della media pianura pordenonese fino alle vallate di montagna, quali Val Cellina, Val Tramontina e Val Colvera e spesso i vigili del fuoco maniaghesi sono chiamati a intervenire nella pedemontana avianese e in Piancavallo. Fondamentale il livello di formazione e preparazione che permette di intervenire in operazioni di soccorso a 360 gradi, in collaborazione con 118, carabinieri, polizia e Soccorso alpino per ricerche e recupero di persone disperse. Fondamentale anche la collaborazione con l’Arpa per i casi di inquinamento ambientale, con il Corpo Forestale per incendi boschivi e per il recupero e salvataggio della fauna selvatica. Tra gli interventi più significativi di quest’anno c’è lo spegnimento dell’incendio nella chiesa della Madonna, in pieno centro a Maniago, e il già citato incendio alla Roncadin con la squadra del locale distaccamento che è intervenuta per prima avendo così un ruolo fondamentale nel bloccare il propagarsi delle fiamme.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori