In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Basso difende il presepe a scuola

Il consigliere delegato all’istruzione replica all’imam, ma riceve le critiche dell’Unione di atei e agnostici

di Chiara Benotti
1 minuto di lettura
Il presepe 2017 divide le scuole e le religioni a Pordenone: pollice verso dell’imam Mohamed Hosny sulla Natività nelle aule multietniche e il consigliere delegato all’istruzione Alessandro Basso ha risposto picche. «Non sono d’accordo con l’imam di Pordenone – è la replica di Basso –. Hosny non rappresenta una guida religiosa per noi cattolici: abbiamo altri punti di riferimento nella nostra Chiesa. Non credo che le parole dell’imam sul presepe abbiano un grande impatto».

Giù le mani dal presepio a scuola. «Non ho l’ambizione di parlare a nome di nessuno – ha continuato Basso –. È chiaro che ci sono anche non cristiani nella nostra società, però è altrettanto evidente che la nostra cultura e l’identità storica hanno un simbolo radicato nel presepe». L’Uaar è l’unione degli atei, agnostici e razionalisti: a Pordenone ha le idee chiare sul presepe a scuola. «I presepi vengono allestiti spesso per iniziativa propria dal personale Ata, ma senza direttive da parte dai dirigenti – ha chiarito Loris Tissino, docente nel Mattiussi e coordinatore Uaar –. L’iniziativa, se ci fosse, dovrebbe comunque essere scoraggiata in luoghi pubblici e laici come le scuole. Dove il pensiero critico è più importante del presepe». Gli atei e gli agnostici non ci stanno. «L’invito che il consigliere delegato all’istruzione Basso vuole mandare alle scuole di Pordenone affinché vengano allestiti presepi e alberi di Natale non piace al circolo dell’Unione degli atei e agnostici di Pordenone – è l’opinione di Tissino –. Con un post su Facebook, il circolo ha rilevato che Basso non ha ancora capito che non può parlare a nome di tutti i cittadini, molti dei quali non sono cristiani. La scuola non ha il compito di custodire le tradizioni, ma di insegnare a pensare criticamente. Inoltre il rispetto e la libertà sono presenti nel nostro Paese nonostante la religione cristiana, non grazie a essa».

Punti di vista, ma non c’è pensiero critico che tenga: i presepi sono tanti nelle scuole. Nella battaglia natalizia tra il “partito del presepe” in classe e il “partito delle decorazioni laiche” vince la capanna di Betlemme. Dalle materne alle superiori cittadine, i simboli del Natale convivono senza problemi. Anche negli istituti a forte integrazione di stranieri come all’Isis Zanussi: con la voglia di Natale senza steccati e la raccolta di cibo per i poveri.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori