In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Le analisi certificano: il Meduna è balneabile

Per Arpa e Azienda sanitaria il torrente vanta alla sorgente acque di qualità eccellente

1 minuto di lettura
TRAMONTI DI SOTTO. Il Meduna è l’unico torrente ufficialmente balneabile della provincia di Pordenone. Anche quest’anno è stato infatti approvato l’elenco delle acque formalmente adatte ai bagni. Formalmente perché ciò non implica che altri siti non siano idonei. Come spiegato dalla Regione, prima di un riconoscimento ufficiale occorre svolgere analisi e campionature per quattro anni consecutivi. Il costo è particolarmente elevato per i Comuni interessati e ciò ha spinto l’agenzia per la protezione dell’ambiente e quelle sanitarie a limitare lo screening ad alcuni specifici tratti di greto.

Nel Pordenonese rientrano in graduatoria solo Tramonti di Sotto e Meduno. In entrambi i casi è stato monitorato il Meduna e in Val Tramontina la qualità dell’acqua si è aggiudicata addirittura la classe regina. All’altezza del camping il torrente presenta infatti delle caratteristiche di eccellenza che scemano al “buono” a ponte Navarons. «Siamo felicissimi per questo ennesimo riconoscimento – ha commentato il sindaco Giampaolo Bidoli –. Tramonti ha bisogno di essere apprezzata a livello nazionale per i suoi luoghi incontaminati. Il Meduna è un must di questa zona anche per i turisti stranieri. Poter contare su una certificazione di eccellenza dà nuovo slancio ai progetti di sviluppo». Bidoli conferma la volontà di non ampliare le analisi ad altre anse del fiume. «Non possiamo affrontare gli oneri di bilancio che ne deriverebbero». Vi sono, ad ogni modo, dei tratti in direzione della sorgente che da secoli sono ritenuti curativi dalla popolazione locale.

Un anno fa aveva suscitato scalpore la notizia della pubblicazione di un elenco così ristretto, soprattutto in quelle comunità alpine che da sempre annoverano spiagge sassose frequentatissime durante l’estate. Proteste ufficiali si levarono da Barcis, Claut e Vito d’Asio. La normativa suddivide i greti in due tipologie: quelle dove è vietato tuffarsi per ragioni di sicurezza o igienico – sanitarie e quelle destinate in via formale alla balneazione. Tutte le altre porzioni di alvei (e sono la maggioranza) rappresentano zone grigie dove residenti e turisti continuano a stazionare d’estate, ma senza alcun provvedimento che riconosca l’idoneità del sito. «Sarebbe piuttosto il caso che la Regione estendesse l’elenco al vicino territorio di Tramonti di Sopra nell’ottica di una condivisione generale del fenomeno turistico», ha concluso Giampaolo Bidoli.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori