In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

San Vito, primi colpi di piccone: parte il nuovo carcere

Nella vecchia caserma via ai lavori per la struttura che ospiterà 300 detenuti. «Sarà un penitenziario modello, il cantiere sarà chiuso in tempi record»

2 minuti di lettura

San Vito, al via i lavori di demolizione per il nuovo carcere nel Pordenonese

SAN VITO. Un penitenziario modello, la cui realizzazione è prevista in tempi più rapidi, almeno sulla carta, rispetto alle strutture carcerarie più all’avanguardia d’Europa. È quello da 300 posti di San Vito, una piccola città: giovedì, 29 marzo, la cerimonia con la quale sono state avviate le demolizioni degli stabili presenti nell’ex caserma Dall’Armi, della quale saranno conservate soltanto l’ex palazzina comando (sarà adibita a direzione del penitenziario), e la piazza d’armi con il monumento ai carristi. Per gli altri stabili il recupero non risultava conveniente ed efficiente: il progetto esecutivo è stato finalmente svelato e illustrato al teatro Arrigoni.

La cerimonia. Alla parete di uno stabile adiacente al campo base del cantiere, allestito nei mesi scorsi, sono stati dati i primi colpi di mazza e piccone simbolici che hanno dato il via alle demolizioni. A occuparsene, il sindaco Antonio Di Bisceglie, l’ingegner Giorgio Lillini, responsabile del procedimento e della sede regionale del provveditorato Opere pubbliche, ed Enrico Sbriglia, provveditore carceri del Triveneto. Con loro, rappresentanti delle imprese appaltatrici, cittadini e amministratori comunali. Di Bisceglie ha ricordato il travagliato iter, dagli anni ’90 in poi, tra dispute politiche e burocrazia.

I tempi. «Sono in corso le operazioni preliminari di installazione del cantiere, progettazione della bonifica bellica e avvio di alcune demolizioni – ha riferito Lillini –. Tra circa due mesi, approvati alcuni documenti, si avvieranno scavi e fondazioni. Il penitenziario sarà pronto in 540 giorni: entro la fine del 2019, sperando che non intervengano imprevisti. Poi i collaudi, prima della consegna al ministero della Giustizia». «Una tempistica inferiore – Sbriglia ha così incoraggiato le imprese – rispetto a quella servita per le carceri modello francesi». Al cantiere lavoreranno in media 100 addetti, ancor più nella fase finale.

La struttura. Le prime strutture a essere demolite saranno le tettoie già ricovero dei carri armati. Lì sorgerà il corpo detentivo, su tre ali, alto circa 18 metri: piano terra con mensa e servizi, tre piani per un totale di circa 100 celle (da tre detenuti ciascuna), quarto piano per attività ricreative, lavorative e di studio. Di fronte, le officine per le attività lavorative dei detenuti. Ancora, saranno realizzati aree per detenuti in semilibertà, palestra, edificio per il culto, palazzina per gli agenti, cucine, block house, direzione, campi da calcio, tennis e pallacanestro. Tutto circondato da muri in calcestruzzo: quello esterno ai 5 ettari sarà alto 3,3 metri, quellao della parte detentiva 6. All’esterno, parcheggi e ciclabili.

Il carcere modello. «Sembrava impossibile, 30 anni fa, arrivare a questo risultato – così Sbriglia –. Un’opera necessaria e attesa: porterà pace sociale e più sicurezza». Un carcere di media sicurezza, destinato a detenuti i vario genere, ma non a quelli di particolare pericolosità e criminalità organizzata (mafia, terrorismo). Al centro, il recupero dei detenuti. Le ricadute per il territorio: lavoro (almeno 150 addetti tra polizia penitenziaria, educatori, psicologi, amministrativi e via dicendo) e indotto economico rilevante.

Nessun problema sicurezza, anzi: «Un carcere garantisce più sorveglianza, mai il deprezzamento di case o negozi vicini».

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I commenti dei lettori