In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Incidente all'impianto di biogas: dal tubo rotto si spargono 50 metri cubi di liquame

E' successo a Sesto al Reghena. I vigili del fuoco hanno chiuso il giunto. Fuoriuscita di digestato

1 minuto di lettura

SESTO AL REGHENA. Si rompe un giunto della tubazione nell’impianto di biogas dell’azienda agricola e fuoriescono 50 metri cubi di liquame.

Il titolare dell’azienda agricola Barbato di Sesto al Reghena ha provato a risolvere il problema da solo, ma avvicinarsi all’impianto era impossibile a causa dei copiosi spruzzi: così ha telefonato subito ai vigili del fuoco.



La squadra di San Vito al Tagliamento è accorsa con due mezzi alle 9.15. I cinque pompieri hanno indossato subito le speciali tute anticontaminazione, gli stivali e le bombole d’ossigeno con gli autoprotettori.

Come apprendiamo dagli stessi vigili del fuoco era necessario indossare protezioni adeguate prima di intervenire fra gli spruzzi di liquame (dal quale si ricava un fertilizzante, il digestato, che è un sottoprodotto dell’impianto a biogas).



Innanzitutto i vigili del fuoco sanvitesi hanno monitorato con gli appositi strumenti in dotazione l’assenza di gas infiammabili, che avrebbe accresciuto il grado di pericolosità dell’intervento.

Poi per un’ora e mezza i pompieri si sono adoperati per individuare il guasto nell’impianto. Essendo un macchinario di ultima generazione, capirne il funzionamento è risultato piuttosto complicato, ma alla fine ce l’hanno fatta.

I vigili del fuoco di San Vito, infatti, sono riusciti a trovare il giunto rotto che stava causando la copiosa fuoriuscita di liquame. Si era rovinato un giunto della pompa di ricircolo dell’impianto a biogas.

Come funziona? In sostanza la pompa preleva il digestato dal basso e lo versa nella parte alta della vasca di contenimento, garantendo un continuo ricircolo del liquame.

La flangia della pompa, però, si è rotta. Così il liquame ha cominciato a fuoriuscire. In sostanza i vigili del fuoco, chiudendo una valvola di intercettazione, hanno finalmente interrotto il getto, risolvendo il problema.

Nel frattempo si erano però sparsi nelle vicinanze 50 metri cubi di liquame. Le tute dei vigili del fuoco, bianche prima dell’intervento, sono state completamente lordate dagli spruzzi.

Nessuno, né i vigili del fuoco intervenuti sul posto, né il personale dell’azienda agricola, è rimasto ferito.

Non ci sono state conseguenze nemmeno per l’attività dell’azienda Barbato. L’impianto a biogas può continuare tranquillamente a funzionare, infatti, per un paio di giorni anche senza il ricircolo del digestato.

L’azienda di Sesto al Reghena avrà dunque tutto il tempo per chiamare i tecnici specializzati e provvedere alla riparazione, senza alcuna ripercussione economica negativa sull’attività imprenditoriale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I commenti dei lettori