In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

«Fuoco ai profughi»: senza social per 6 mesi. E dovranno leggere libri

Tre imputati per la violazione della legge Mancino. Processo sospeso, accolta la richiesta di messa alla prova

1 minuto di lettura

PORDENONE. Dopo gli attacchi su Facebook ai profughi, resteranno senza social per sei mesi. Non solo. In questo semestre, dovranno leggere anche libri o guardare film sulle tematiche dell’immigrazione e meditarci su, scrivendo alcune brevi considerazioni sull’argomento. Per finire pagheranno 200 euro a titolo di risarcimento del danno e svolgeranno lavori di pubblica utilità (chi al comune di Concordia Sagittaria e chi in una cooperativa).

È il “castigo” disposto dall’Ufficio esecuzioni penali esterne per Giuseppe Barresi, 34 anni, nato a Motta di Livenza e residente a Concordia Sagittaria, difeso dall’avvocato Loris Paladino, Rudy Rosan, 34 anni, residente a Portogruaro e Gabriele Marian, 56 anni e residente a Concordia Sagittaria, entrambi difesi dall’avvocato Gianni Massanzana.

I tre erano stati processati per direttissima insieme con Roberto Spadotto, 45 anni, residente a Portogruaro, per violazione della legge Mancino, con l’aggravante della discriminazione razziale. Ieri il tribunale collegiale ha accolto la richiesta di messa alla prova di Barresi, Rosan e Marian. L’Uepe infatti ha comunicato il programma.

Spadotto l’aveva già ottenuta nell’udienza precedente. Il processo rimarrà sospeso per sei mesi. Il 14 maggio 2019 ci si ritroverà in aula per valutare il ravvedimento degli imputati. Se dimostreranno di aver seguito le prescrizioni dell’Uepe, la loro vicenda giudiziaria finirà.

A metà luglio dell’anno scorso gli imputati hanno scritto sul profilo Facebook della neo-coordinatrice di Forz Italia Caterina Pinelli e nel gruppo “Sei di Portogruaro se” frasi che secondo la Procura hanno incitato alla violenza contro i profughi.

In particolare, Barresi ha vergato la frase: «Bisogna aiutarli, ne ospitiamo uno in ogni casa e li laviamo con la benzina e poi li asciughiamo col lancia fiamme e tutto è risolto». Rosan ha pubblicato due commenti, in uno dei quali offendeva i profughi («Gente sporca, devono morire, se trovo uno di loro li verso dell’acido di batterie così capiscono che no li vogliamo») mentre nell’altro invitava i concittadini a «far gruppo e mandarli via, diamogli fuoco al palazzo con loro dentro».

Per finire Marian ha pubblicato una fotografia su Facebook nel gruppo “Sei di Portogruaro se...” con un cappio e la didascalia “Ripensandoci”. Ora con il programma stilato dall’Uepe avranno modo di riflettere sulle frasi che hanno scritto.

I commenti dei lettori