«Il Governo chieda perdono per quei minatori “venduti”»