Diabete Mellito, dopo i 40 indispensabile controllare la glicemia

Raffaella Buzzetti, docente di Endocrinologia: "Tra i fattori di rischio, le abitudini alimentari sbagliate, l’obesità, la sedentarietà. In alcuni casi, anche la genetica”. I farmaci di nuova generazione
1 minuti di lettura

Diabete mellito, dopo i 40 anni indispensabile controllo glicemia e monitoraggio pressione

 

 

In Italia circa 4 milioni di persone soffrono di diabete, "ma un paziente su tre non ne è a conscenza. Purtroppo a volte la diagnosi arriva tardi e i sintomi pricipali, ossia la sete inrtensa e l'urinazione abbondante unite alla perdita di peso, sono spesso sottovalutati", spiega Raffaella Buzzetti, docente di Endocrinologia all'università La Sapienza. Eppure, il diabete di tipo 1, quello autoimmune, è la malattia endocrina più diffusa nei bambini. In Italia ci sono 25 mila casi diabetici di tipo 1 fino a 18 anni. Il diabete di tipo 2 è invece una malattia cronica che colpisce entrambi i sessi indipendentemente all'età. Secondo i medici, quello di tipo 2 si può prevenire adottando uno stile di vita sano e una dieta equilibrata