Per vincere la fragilità ci vuole un gran coraggio. Ecco come fare

Giuseppe Vercelli con Josefa Idem 
Bisogna andare incontro agli ostacoli e sfruttare a proprio vantaggio gli imprevisti. L'identikit dell'antifragile
3 minuti di lettura

LA STRADA per non essere fragili richiede coraggio. Gli ostacoli, gli stress esterni non vanno affrontati con atteggiamenti di difesa ma andando loro incontro e sfruttando l’imprevisto a proprio vantaggio. Antifragili, un titolo accattivante, dato il periodo, è il libro scritto a quattro mani da Giuseppe Vercelli e Gabriella d’Albertas, edito da Feltrinelli. Un titolo anche evocativo, sia per chi conosce già il principio dell'antifragilità, teorizzato dal filosofo matematico Nassim Taleb, sia per gli amanti di Mina che canta "son così fragili, fragili, maneggiali con cura...".

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori