Longform

Lo smartwatch? Può salvare la vita (letteralmente)

Monitora i passi, il peso, il cuore. Individua la fibillazione atriale, fa risparmiare tempo in caso di infarto. A patto che non si pensi di sostituire il medico
6 minuti di lettura

Misuriamo i passi. Monitoriamo gli sforzi. Registriamo come batte il cuore, attimo dopo attimo. Controlliamo il sonno. E riceviamo segnali se l'attività fisica è ridotta, se la frequenza cardiaca si altera senza motivo. Basta un "amico" tecnologico che ci segue sempre, al polso sotto forma di orologio e rilevatore di impulsi vari o magari come classico smartphone, nel taschino.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori